“Prof perché abbiamo la necessità di credere? Lei perché crede?”

Mi sono inventata un gioco divertente, ma difficile. Ho invitato i miei alunni a trovare tre aggettivi con cui definirsi. Quello che ne è venuto fuori? Un meraviglioso infinito.