società

Francia, sempre più donne sole vivono per strada

(© Kovnir Andrii / Shutterstock.com)

di Aniello Califano

Il dato rilevato da Baromètre 115, report della Federazione nazionale delle associazioni francesi di accoglienza e di reinserimento sociale (Fnars), è di quelli che fa tremare i polsi. Da una prima analisi, come dichiara Florent Guéguen, direttore della Fnars, le ragioni dell’aumento da parte di donne che richiedono assistenza abitativa risiedono in una serie di fattori: “possiamo dire che molte di queste domande vengono da donne sole, disoccupate, con una scarsa istruzione e in fase di allontanamento dal nucleo familiare, a volte in seguito a un divorzio. Può succedere anche che siano minacciate, vittime di violenza familiare. Quando le risorse della coppia crollano, la donna è la prima vittima”. Il dato assurdo, però, si riscontra nel fatto che le donne hanno una reale difficoltà ad accedere agli alloggi a causa dell’inadeguatezza dell’offerta: i caseggiati costruiti negli anni ’80 per i clochard erano stati progettati per un target maschile.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.