FIUGGI FAMILY FESTIVAL

Regalami un sorriso

di Nello Califano

All’inizio di tutto c’è sempre un’idea. E le idee si formano prima nel cuore e poi nella mente degli uomini. Nel cuore di chi ha inventato il Film Family Festival c’erano anni dolorosi per la povertà, per la perdita del padre a tre anni e per l’infanzia trascorsa in orfanotrofio. Così si plasmò in Gianni Astrei il desiderio di difendere i più deboli, diventando prima medico pediatra, poi attivista del Movimento per la Vita, per dare voce al più piccolo dei piccoli. Il desiderio di una famiglia con tanti figli e l’impegno per non essere lontano dalle difficoltà delle altre famiglie, quale modo migliore per accompagnarle che raccontare storie proprio come faceva con i suoi bambini la sera? Nasce così il Fiuggi Family Festival.

Nel 2007 nasce l’idea di un incontro annuale delle famiglie intorno a un concorso di produzioni cinematografiche internazionali, recenti e inedite, che abbiano la capacità di veicolare momenti significativi di vita, quella di ogni irripetibile istante. Un appuntamento annuale che dà la possibilità alle famiglie convenute di esprimere le loro preferenze in un clima festoso di comunione. Accanto ad esperti e specialisti del settore e davanti a film di grande qualità artistica, si ritrova un pubblico fatto di madri, padri, giovani e bambini, in grado di giudicare l’ampiezza dell’eco di quelle storie. Un evento giovane e, sempre più, gestito da giovani. Accanto al cinema anche la musica e il teatro, la cultura e lo sport: tutto ciò che possa raccontare e incoraggiare, nella convinzione che la comunione, tanto indispensabile quanto difficile tra gli esseri umani, nasca appunto da questo, dalla comunicazione, dalla capacità cioè di condividere con altri il proprio vissuto, di contemplare nelle storie i molteplici squarci di infinito che chi ci passa accanto ci dona, ma che spesso la quotidianità ci spinge a sorvolare frettolosamente.

IL TEMA DI QUESTA EDIZIONE

Tema di questa settima edizione: l’infinita bellezza e la gratuità del sorriso. Di tutte le creature viventi, in ogni cultura, infatti, solo l’uomo sorride. È il primo gesto volontario del neonato, quasi a contrassegnare la sua umanità. Sorridono le labbra, sorridono gli occhi, sorride il cuore, sorride profondamente l’anima. Metafora della vita: non si può immaginare un gesto compiuto che sia più breve, eppure è quello che viene ricordato più a lungo da chi lo riceve. Il sorriso dischiude, dunque, prospettive nuove. Sprigiona forze capaci di sconvolgere una vita e di condurla ad un nuovo inizio, ad una nuova storia, una storia degna di essere raccontata. Non resta che affidarla alla potenza narrativa del cinema perché lasci un segno e non sia dimenticata. Per questo la prossima edizione del Fiuggi Family Festival metterà al centro dell’offerta cinematografica tutte le storie che parlano di nuovi inizi, di percorsi inattesi, e tali perché illuminati da un sorriso, epifania della speranza che salva. “Regalami un sorriso”, titolo peraltro di una celebre canzone del cantautore Franco Fasano, ospite del FFF 2013, sarà, dunque, il tema comune, il filo rosso che unirà tutti gli eventi dell’edizione 2014. Ospiti di quest’anno, il regista Gennaro Nunziante che ha diretto l’attore e comico Checco Zalone nei tre film di grande successo (Cado dalla nubi, Che bella giornata e Sole a catinelle) e che presiederà la giuria. Poi il cantautore Franco Fasano che ha composto i testi di canzoni sanremesi come Ti Lascerò, cantata da Fausto Leali e Anna Oxa, Mi Manchi oltre a canzoni per tanti programmi di intrattenimento per ragazzi (Bim Bum Bam, Ciao Ciao e Game Boat) e colonne sonore di cartoni animati firmate in collaborazione con Cristina D’Avena. Nella giuria anche il regista milanese Stefano Alleva che ha diretto le prime due stagioni di Un medico in famiglia e di Un posto al sole oltre alla fiction La squadra.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.