dati istat

Meno divorzi e più stabilità

(© glogoski - Fotolia.com)

di Nello Califano

Nel 2012, secondo i dati Istat, le separazioni nel nostro paese sono state 88.288 e i divorzi 51.319, entrambi in calo rispetto all’anno precedente. I 40enni sono i più colpiti dalla crisi coniugale. Analizzando la distribuzione per età si nota come la classe più numerosa sia quella tra i 40 e i 44 anni per le mogli, mentre per i mariti tra i 45 e i 49. Trend opposto, invece, per le nozze religiose che risultano essere più stabili. A sopravvivere alla “crisi del settimo anno”, nel 2012, sono 933 matrimoni religiosi su 1.000 celebrati nel 2005, contro 880 su 1.000 matrimoni celebrati con rito civile. In Italia, per i divorzi “concessi nel 2012 l’intervallo di tempo intercorso tra la separazione e il divorzio è stato pari o inferiore a cinque anni nel 62,3% dei casi ”. In altri Paesi europei, la tempistica è molto più rapida: includendo “l’intero iter amministrativo e burocratico, il divorzio si ottiene in circa sei o sette mesi ”.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.