Vedovanza

Famiglie ferite: oggi su Radio Maria una voce amica

Radio Maria

Quanti sposi vivono situazioni di solitudine e di dolore per la morte del coniuge? Tanti, troppi. Una ferita silenziosa e spesso trascurata dalla società ma forse anche dalla comunità ecclesiale. Oggi su Radio Maria si parla del tempo della vedovanza.

I riflettori sono accesi sul Sinodo della famiglia. Alcuni temi sembrano più in voga di altri. Pur tra i tanti ed importanti aspetti della vita familiare da approfondire sembra aleggiare su tutte una domanda che finora emerge poco nel dibattito ecclesiale: “Come accompagnare, incoraggiare e sostenere le famiglie ferite, cioè quelle che portano nella carne la sofferenza della malattia e quelle che hanno sperimentato il lutto e la solitudine?” Don Silvio Longobardi, esperto di pastorale familiare e Giovanna Abbagnara, direttore della rivista Punto Famiglia tentano di offrire qualche riflessione interessante attraverso l’emittente Radio Maria. Oggi alle 12.30 nella rubrica In cammino verso il Sinodo si parlerà di vedovanza a partire da esperienze vissute dove il dolore per la morte del coniuge ha scavato pozzi di dolore, tanti più profondi e intensi quanto più la relazione affettiva è stata segnata dall’intimità e dalla più sincera condivisione. “Da alcuni anni ho avuto la grazia di seguire più da vicino il cammino di alcune persone vedove” commenta don Silvio “ho così avuto modo di entrare in un mondo che ancora non conoscevo e di cogliere i diversi aspetti della sofferenza che attraversa la condizione della vedovanza. Dinanzi a tutto questo dolore non avevo parole da dire ma ho trovato nella Parola la luce essenziale. Ho sentito perciò il bisogno di offrire ai vedovi un percorso di catechesi per aiutarli a rileggere la propria situazione con la luce della Parola”. In studio ci sarà anche Giuseppe Cutolo vedovo con due figli, laureato in Giurisprudenza, lavora presso il Tribunale di Napoli, il prossimo 25 marzo farà la sua promessa di consacrazione al Signore nel movimento Fraternità di Emmaus.

 




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.