Pasqua di Resurrezione

Il mattino dell’eternità

Nella mattina di Pasqua gli sposi sperimentano di essere riflesso vivo, vera immagine, storica incarnazione del patto tra Cristo e la sua Chiesa.

É Pasqua. La notte oscura ha lasciato il posto all’alba della resurrezione. Dio ha mantenuto le sue promesse. Non ci ha lasciati da soli. Cristo è risorto! Alleluia! Ora abbiamo la certezza dell’amore invincibile di Dio sgorgato dall’attraversamento dell’abisso infernale. Quello stesso amore che è riversato e sperimentato nella sacramentalità del matrimonio. Nella mattina di Pasqua gli sposi sperimentano tangibilmente la dissomiglianza da Cristo, la loro inadeguatezza, perché il loro patto nuziale pur essendo mistero non è mai il grande Mistero, ma se essi vivono la grazia sacramentale del matrimonio essi sono riflesso vivo, vera immagine, storica incarnazione del patto tra Cristo e la sua Chiesa.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.