Eugenetica

Solo figli sani

La presidenza del Consiglio non interverrà davanti alla Consulta per difendere la legge 40/2004 nel ricorso promosso contro il divieto di accesso per coppie fertili allo screening preventivo dell’embrione per escludere malattie genetiche.

La presidenza del Consiglio ha deciso di non intervenire martedì 14 aprile davanti alla Consulta per difendere la legge 40/2004 nel ricorso promosso contro il divieto di accesso per coppie fertili che scelgano di sottoporre preventivamente l’embrione a screening per escludere eventuali malattie genetiche. «Sorprende e addolora – commenta il presidente del Movimento per la Vita, Gian Luigi Gigli – perché il governo smentisce in tal modo il dato politico di una legge approvata nel 2004 a larga maggioranza dal Parlamento e sottoposta anche alla prova referendaria». Una via per giungere all’introduzione nel nostro ordinamento di un principio di tipo eugenetico a cui neppure la legge sull’aborto aveva mai fatto cenno. «La possibilità di una selezione eugenetica rischia di contribuire al diffondersi di un’idea di società capace di accoglie i sani e i forti e non già i fragili e i malati. Tanto più quando nel nostro Paese diviene ogni giorno più difficile adottare bambini» tuona il neopresidente. «Non esiste il diritto ad avere un figlio, ancor meno il diritto ad avere un figlio sano – conclude Gigli – non esiste un diritto all’autodeterminazione senza bilanciamento con la tutela dei soggetti fragili coinvolti nelle scelte, a meno che non si pretenda di non considerare più l’embrione umano come un essere umano».

 




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.