CEI

Bellezza e bontà della differenza sessuale

È iniziata ieri la 17ª Settimana nazionale di studi sulla spiritualità coniugale e familiare, promossa dall’Ufficio nazionale della Cei per la pastorale della famiglia. Un’occasione per riflettere sulla “bellezza e bontà della differenza sessuale”.

Quali le radici sponsali della persona umana? Questo l’interrogativo che anima la 17ª Settimana nazionale di studi sulla spiritualità coniugale e familiare, organizzata dall’Ufficio Cei per la pastorale della famiglia, iniziata ieri a Nocera Umbra. «Questo tema – ha spiegato il direttore dell’Ufficio, don Paolo Gentili – ha suscitato talmente tanto interesse da portare ad affrontarlo nel corso di tre edizioni della Settimana. La differenza sessuale, infatti, è una questione oggi oltremodo rilevante, di fronte a quella che Papa Francesco chiama la “colonizzazione del gender”». Un’occasione per «sperimentare – prosegue don Gentili – la bellezza e la bontà della differenza sessuale. Se la perdiamo, perdiamo pure tutta una serie di termini: marito, moglie, figlio, figlia e così via, che sono connaturati all’uomo». In piena sintonia con il Convegno ecclesiale nazionale di Firenze, il direttore della Cei afferma: «Dalla coppia sponsale si può rifondare il nuovo umanesimo».

La Settimana ha visto la prolusione di padre Jean Louis Ska, docente al Pontificio istituto biblico di Roma. Tra i relatori, Susy Zanardo (docente di filosofia morale all’Università europea di Roma), Tonino Cantelmi (psicologo e docente all’Istituto di psicologia della Pontificia Università Gregoriana, Roma), Philippe Bordeyne (rettore dell’Institut Catholique di Parigi) e il cardinale Lorenzo Baldisseri (segretario generale del Sinodo dei vescovi). Sabato, a conclusione dell’evento, la relazione di Yves Semen (preside dell’Istituto di teologia del corpo di Lione) e poi spazio per i workshop.

 




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.