Media

Anche una fiaba può nascondere insidie

favole

Dal 2014 Rai Yoyo trasmette la fiaba “Le due mamme”, un cartone che secondo Luca Borgomeo, presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart, “rischia di far passare la teoria del gender”.

Dal dicembre del 2014, su Rai Yoyo va in onda la fiaba “Le due mamme”, un cartone che secondo Luca Borgomeo, presidente dell’associazione di telespettatori cattolici Aiart, «rischia di far passare la teoria del gender». Si tratta della «storia di due bambine che si contendono un cagnolino. La nonna di una delle due fa da paciere portando ad esempio la vita del bimbo vicino di casa e che dice: “La signora che ogni mattina accompagna a scuola Sebastien non è sua mamma ma lui la ama come se fosse la sua; è una seconda mamma perché lei si prende cura di lui da quando è nato. Nel cuore c’è spazio per tutti e l’amore è infinito”. Una trama insidiosa che nega l’esistenza di una mamma e di un papà».

Il presidente Borgomeo ha lanciato ieri l’appello: «Chiediamo alla tv, e specialmente alla Rai, servizio pubblico, che la questione gender nelle trasmissione rivolte ai bambini sia affrontata e trattata con la massima onestà intellettuale ed evitando di ricorrere a riferimenti impliciti o ingannevoli. E, soprattutto nei canali a loro dedicati, di non strumentalizzare né manipolare i bambini: vittime di questo confronto su tutti i fronti».




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.