Gender

Tasmania, caccia aperta a chi si oppone al gender

gender

Australia: una gaystapo contro i vescovi cattolici per trovare e punire quanti sono contrari all’inarrestabile incedere dell’ideologia gender.

In Australia sia l’Alta Corte di Giustizia che il Parlamento hanno respinto, per il momento, la possibilità di equiparare le unioni omosessuali al matrimonio. Tuttavia pare che La Commissione contro le Discriminazioni della Tasmania, stato dell’Australia, abbia sottoposto i vescovi cattolici a un test per verificare il loro grado di omofobia. Una sorta di gaystapo che vuole scovare e punire i nemici dell’ideologia gender.  La Conferenza episcopale australiana infatti aveva inviato a tutte le diocesi una lettera pastorale in cui si rimarcava la peculiare ricchezza e unicità del matrimonio e della famiglia naturale rispetto alle unioni civili. La reazione della lobby dei gay è stata immediata accusando i vescovi di aver umiliato gay, lesbiche e transessuali con la distribuzione di opuscoli a sostegno del matrimonio tra uomo e donna. La Chiesa cattolica risponde rivendicando il diritto all’esercizio della libertà di pensiero e di religione.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.