Gender

I pediatri americani mettono in guardia contro la “disforia di genere”

paura

di Gabriele Soliano

In Australia un bambino di 4 anni ha cominciato un programma per cambiare sesso. Lo riferisce il Daily Telegraph, il Dipartimento di Educazione australiano che non ha voluto fornire informazioni né sul nome né sull’identità sessuale biologica del piccolo.

Qualche tempo fa Daniel, un bambino scozzese,  appoggiato dai suoi genitori e da medici consenzienti,  ha cominciato la proceduta per il cambio di sesso, diventando la piccola Danni. Il caso di Danni non è comunque isolato. In Argentina il caso di Manuel, anche lui 6 anni, che ha cambiato sesso, o Seth, di nuovo 6 anni, australiano, che viene cresciuto dai genitori come fosse una bambina. I casi di bambini piccolissimi, che con l’appoggio, o con la spinta dei genitori, cambiano sesso rispetto a quello di nascita, sono sempre più frequenti. Qualche mese fa l’Associazione dei Pediatri Americani ha pubblicato un voluminoso documento sui bambini che sperimentano un’incongruenza tra la propria identità sessuale biologica e quella da loro stessi percepita. È il tema della cosiddetta “disforia di genere”. Il documento smentisce a suon di esperienze e studi la letteratura medica corrente che vuole una “normalizzazione” del transgenderismo. Questo ha dato il via alla ferma critica nei confronti di quei programmi che prevedono l’utilizzo di farmaci per bloccare la pubertà. Secondo gli autori del documento – la cui prima firmataria è la dott.ssa Michelle Cretella, presidente dell’Associazione – assecondare questa disordinata tendenza contro natura, non solo è un esercizio che non ha basi scientifiche ma contrasta l’antico principio di cura: “primo non nuocere”. E si badi bene che viene usato il concetto, politicamente scorrettissimo, di “contro natura”. Si evidenzia infatti che la “disforia di genere”, nella maggior parte dei pazienti (tra l’80% e il 95%), si risolve naturalmente nella tarda adolescenza. Secondo i pediatri, “ogni indicazione da parte delle istituzioni pubbliche volta a forzare l’accettazione della disforia di genere, come variante normale dello sviluppo del bambino, con le conseguenti cure sociali, terapie ormonali tossiche e rimozione chirurgica di parti ‘sane’ del corpo dei bambini, è sbagliata e pericolosa”. Inoltre “eseguire, in maniera irreversibile, sui minori, troppo giovani per dare un valido consenso, procedure che cambiano per sempre la loro vita”, comporta anche una grave violazione dei loro diritti. I pediatri chiedono quindi la cessazione di questi interventi e la fine del gender nelle scuole, perché “la sanità, i programmi scolastici e la legislazione devono rimanere ancorati alla realtà fisica”. Pertanto “la ricerca scientifica dovrebbe concentrarsi su una migliore comprensione delle basi psicologiche di questo disturbo”. Anche qui viene usato il termine “disturbo” che è inammissibile per gli attivisti lgbt e le lobby omosessualiste. La via indicata è quella dell’approccio psicologico a questo problema, anziché farmacologico e chirurgico.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.