Educazione all’amore

“Prof, ma l’amore è un sentimento che può essere controllato?”

adolescente

di Elisabetta Cafaro

A scrivere oggi è Teresa, una ragazza di 17 anni che si interroga sul significato dell’amore, ponendosi domande e lasciando emergere con tenerezza il suo desiderio di amare e di essere amata. Una fotografia dell’amore in cui il sentimento spesso è identificato solo con le emozioni.

Cara prof,

prendo spunto dalla sua lezione: “amarsi e volersi bene” e in particolare da questa frase letta in classe: “Amare ed essere amati è l’esigenza profonda di ogni uomo”. Questo sentimento, l’amore, da un po’ di tempo si è come impadronito di me, mi prende l’anima, la mente, il cuore e troppo spesso anche se sono molto giovane mi fa soffrire… Vorrei amare con tutta me stessa ma ancora non ho trovato l’oggetto del mio amore. “Ho forse qualcosa di sbagliato? Che cosa c’è che non va in me?”. Ho cercato su un vocabolario il significato della parola “amore”, ma, ahimè, ho compreso che ha moltissimi significati e moltissime forme. Allora prof, mi sono di nuova persa e non senza un pizzico di sconforto mi sono chiesta: “Ma l’amore è un sentimento della mente o del cuore? Può essere controllato?” Sai, alla mia età, 17 anni, si vive l’amore maggiormente in relazione al ragazzo che si vorrebbe avere accanto. Mi piacerebbe aprire gli occhi al mattino e trovare il suo buongiorno sul mio telefonino. Vorrei qualcuno bello e meraviglioso d’amare, quel “qualcuno” come lo descrivono i poeti, leggo nei romanzi, vedo nei film e ascolto nelle canzoni L’altro giorno leggendo una scritta sul muro fatta da un giovane ragazzo alla propria amata mi sono molto emozionata. Forse limito l’amore e sono un po’ troppo romantica e ingenua verso questo sentimento che è diventato un pensiero costante delle mie giornate.

Prof, le dico una cosa che forse la farà sorridere ma quando mi sono innamorata mi sembrava quasi di camminare ad un palmo da terra e di vedere il mondo tutto rosa e fiori. Se tutto è così magico e incantevole come fa un amore a finire, spesso senza neanche un vero e proprio motivo, lasciando dentro un senso di rabbia ed impotenza? Lasciando un profondo vuoto e tanta solitudine nell’anima? Non hai più voglia di continuare a vivere, a lottare. Quello che mi rendeva forte, quello che mi faceva sentire sicura e invincibile se n’è andato. Mi ha lasciato con un “non ti amo più”, anzi peggio, senza alcuna spiegazione. Gli amici cercano di consolarti e mi dicono: “la vita continua …” mentre io mi chiedo con sconforto: “Di chi è la colpa?”. Prof, non è vero che il tempo cancella le cose, io credo che le nasconde soltanto. I suoi sguardi mi accendevano il cuore e l’anima. Uno dei miei scrittori preferiti afferma che “l’amore nella nostra vita non è previsto da contratto…non c’è tassa, né tangente, né alcuna assicurazione che te lo può garantire. L’amore è quel regalo che qualcuno ti fa a sorpresa quando meno te lo aspetti e non c’è niente di più vero”. Perché l’amore supera ogni barriera, ti fa piangere, sorridere, cantare e ballare. E anche se un amore finisce dovremmo avere la forza di riprovarci con maggiore consapevolezza. Ma c’è chi purtroppo non accetta la fine di un amore. E questo sfocia nella violenza, come spesso abbiamo sentito alla televisione; o peggio in problemi come la depressione e talvolta porta a gesti estremi come il suicidio. Questo purtroppo accade sempre più spesso al giorno d’oggi. Tutto nasce dalla solitudine, una solitudine così forte che non si riesce a chiedere aiuto a nessuno. Anche a me ogni tanto capita di sentirmi sola con me stessa. Anche se ho molte amiche e amici che mi risollevano il morale ci sono momenti in cui non ho voglia di sentire nessuno e in quei momenti l’unico aiuto, almeno per me è la musica che tanto amo. Io ho 17 anni e tra un po’ arrivo alla maggiore età. Dicono che a 17 anni l’amore non esiste. E allora mi chiedo: “Cos’è quello che provo io per lui ora, se non amore? Come si chiama quel sentimento che non mi fa dormire la notte? Che mi fa pensare a quegli occhi dolci 24 ore su 24? Solo a lui e nessun’altro?” Un grande poeta come Italo Calvino scrive: “..due modi ci sono per non soffrire d’amore. Il primo riesce facile a molti: accettare quell’inferno e diventarne parte fino a non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continuo, cercare chi e che cosa vogliamo, in mezzo all’inferno, facendo in modo che non sia l’inferno a farlo finire o a togliergli spazio…”. Io scelgo la seconda.


 

Cara Teresa,

l’amore è un mistero. Gli affetti fanno parte e sono al servizio di un progetto più ampio che non s’identifica solo con la felicità individuale ma con il bene che ciascuno di noi è chiamato a realizzare per vestire di umanità la tua vita e quella degli altri. Solo in questa prospettiva – tutta da esplicitare – l’amore smette di essere un sentimento individuale, e in fondo egoistico, ed appare nella sua verità essenziale, come un veicolo che conduce la persona oltre se stessa, fino a farne una candela che illumina … consumandosi.

È necessario anzitutto demitizzare l’amore, non vivere nell’illusione che esso risolverà tutti i problemi della vita e darà una meritata, immediata ed eterna felicità. L’amore umano è un sentimento, un desiderio di affetto, una invocazione di complementarità, che però deve avere la forza di sfidare l’usura del tempo: in questo risiede il suo mistero. Attenzione! Non si deve amare per istinto, per passione, interesse, svago, capriccio. Non è sufficiente amare solo perché si è inclini a tale sentimento. E non è vero che l’amore non può essere controllato, perché l’amore come tutti i sentimenti richiede una specifica educazione. Esso è un’arte e come tale ha bisogno di valori precisi a cui far riferimento. Non lasciamoci soggiogare da gioiose ingenuità e superficialità: solo chi accetta di vivere l’amore come un cammino, come una sfida che quotidianamente ci sveglia e ci scomoda può scoprirne le vette. È importante imparare a non ridurre l’amore ad un’unica visione. Leggere l’esperienza affettiva nella luce di un programma di vita. Chi ama cerca di dare alla propria vita un respiro sempre nuovo perché l’amore non dà tregua, è una sollecitazione interiore che spinge a dare sempre il meglio di noi stessi. Chi ama non “costringe” ma lascia liberi, perché la libertà è segno distintivo di dignità e di responsabilità.

La tua prof




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

19 risposte su ““Prof, ma l’amore è un sentimento che può essere controllato?””

“L’Amore” che parolona…per me l’amore è un qualcosa che pochi possono provare davvero, io tra un mese faccio 18 anni e credo di aver amato davvero solo una volta , un amore che sembra impossibile da dimenticare , un amore in cui due si amano davvero ma lui per la felicità della famiglia è costretto ad amare un’altra donna , non avendo il coraggio di lasciare tutto e tornare da me …io ho provato ad “amare” ancora ma qualcosa mi ostacolava , un pensiero fisso che non va mai via e quel sogno che forse non si realizzerà mai …però come si dice il primo amore o te lo scordi o te lo sposi bhe ho provato anche a dimenticarlo ma la vicinanza a lui è troppa ed è impossibile…può essere però che me lo sposo TUTTO PUÒ SUCCEDERE! Per ora però sto ancora cercando di trovare una strada alternativa ma fino ad oggi sembra non esistere .Aspetteremo, anche perché senza amore per un po si può vivere hahaha . SI è vero l’amore può fare male e anche tanto ma poi sa come rimediare !

Davvero un bellissimo articolo…ci ha fatto commuovere!
Io Annachiara mi sono trovata nella tua stessa situazione, ed è una cosa davvero triste.
Quando si parla d’amore s’intende sempre un forte sentimento che si prova per un’altra persona, quindi quando t’innamori.
L’amore è come una “malattia”, nel senso si inizia a parlare sempre della persona amata, quando si ascolta una canzone pensiamo a lei/lui, appena senti pronunciare il suo nome ti batte forte il cuore e inizi a farti tutta rossa e quando si sta insieme sembra che io tempo si fermi;
L’amore appunto non avvisa, cioè non ha età, arriva quando meno te lo aspetti, in un momento in cui ti sembra che il mondo ti cada addosso;
A molti succede che la persona nn sia quella giusta o adatta a noi, e si finisce per lasciarsi. Però ci sono alcune ragazze che si affezionano diversamente dai ragazzi,infatti il detto dice”si chiude una porta e si chiude un portone”;
Come conclusione vogliamo dire che “l’amore bisogna viverlo a pieno perchè ogni momento è unico”
A volte si confonde l’amore come una cosa che fa soffrire,ma se succede vuol dire che amore non è, come nelle favole tutte ci aspettiamo un Principe azzurro che ci viene a salvare su un cavallo bianco e vivere con lui ogni giorno della tua vita felici e contenti. Forse non sempre questo si realizza ma noi speriamo che si avveri.

Cara Teresa,
A noi dispiace per la tua esperienza ma devi essere forte perché come hai detto la vita va avanti e va superato ogni ostacolo. L’amore è una cosa bella ma anche dolorosa per questo bisogna stare attenti e scegliere in modo corretto la persona che vuoi al tuo fianco.
Speriamo che un giorno questa persona arrivi e che ti renda felice per tutta la vita.

Cara Teresa la tua storia fa riflettere. Io non sono mai stata innamorata quindi non mi sono mai trovata nella tua situazione, ma spero possa riprenderti da questo dolore. La prof ha ragione l’amore è un mistero che deve essere controllato e come spesso anche in classe abbiamo spiegato che l’amore si coniuga con la libertà e non con la costrinzione.

credo solo che l’amore sia qualcosa difficile da spiegare, ad ogni età…probabilmente un’esperienza significativa che ci sensibilizza, ci rende fragili, a tratti persi e al contempo forti, perchè anche la perdita di un amore con il tempo diventa superabile…tuttavia non esiste una formula che sia unica per tutti…ognuno vive a suo modo con la sua sensibilità, con la sua capacità di reagire o di abbattersi, con il desiderio di riprendersi il mano la propria vita o vivere malinconicamente…non esiste una formula magica…è solo una esperienza che segna insegna e forma …sarebbe bello sperimentare un grande amore, un amore di dono, reciprocità, che sappia spendersi per il bene dell’altro, che sappia valorizzare la vita altrui e arricchirla di bello…ma non è sempre così, purtroppo…lasciamo alla vita personale quelle risposte che forse però non verranno mai…e lasciamo che ogni storia ad ogni età abbia valore e significato…che nel tempo sarà poi decodificato e si chiamerà…capacità di aver reagito al bello e al brutto della vita…possibilità di farcela comunque, perchè la vita resta per sempre un dono meraviglioso!!!

Ciao Teresa,
io ho passato un episodio simile al tuo,sono stata molto male,anche se sono piccola,ma come mi prese “lui” nessuno era mai riuscito a prendermi. Ci eravamo innamorati per caso,per poi finirla con una frase senza senso,”non sono adatto al fidanzamento”…puoi immaginare come ci si rimane,ci ero rimasta più male per la frase che per altro. Ma nonostrante ciò io sono andata avanti,ci sono riuscita! La vita è bella,siamo ancora giovani e bisogna godersela,anche oggi io ci penso ancora,mi ritorna in mente tutti i bei momenti passati insieme,ma poi ricordo che sono stata male e non ci penso più. Arriverà quello giusto per te,deve solo passare questo “brutto” periodo,tu cerca di non pensarci e vedi che andrà tutto bene.
Per qualsiasi cosa ci sono!

Questa è una domanda che mi pongo sempre anch’io “L’amore è un sentimento che può essere controllato?”… per me non lo è. Se potessi controllare il mio amore, allora forse potrei evitare di soffrire. Molti mi dicono “Sei mai stata innamorata? Ti piace qualcuno?”, devo ancora “sperimentare” questo sentimento, o almeno, non voglio dargli molta leggerezza. Posso solo dire che esistono 2 tipi di amori, almeno per me, Il primo amore: quello che tu fa scoprire questo bellissimo sentimento e che ti dà le prime gioie e le prime tristezze ; infine il secondo amore: quello che ti conforta e che ti insegna che puoi amare ancora. Quello che per me è amore, alla mia età, la chiamo solo “cotta”, per me l’amore ha un significato più profondo, e che proverò per una sola persona.

Annuncio una mia considerazione in riguardo l’amore. Sicuramente è un sentimento fortissimo che non si riesce a controllare, lo so perché sono stata 2 volte in questa fase e quando ho avuto i cosiddetti “blocchi” dall’altra parte ci sono stata male per, quasi un anno, consiglio alle ragazze di non affezionarsi subito a quella che è l’altra figura bensì di conoscere bene la sua parte interiore e parlargli in continuazione perché solo così si può “scavare” il carattere di una persona. L’amore per me è inoltre un sentimento che non si deve aspettare, perchè se lo facessimo staremmo male giorno per giorno, quindi deve essere inaspettato. Beh l’amore è una cosa straordinario,quando si è innamorati non riusciamo a percepire la nostra felicità da dove provenga. Beh,è la cosa più bella che possa esistere..

Cara Teresa,non disperarti l’amore arriverà anche per te,forse non dalla persona che ti aspetti ma fidati,anche tu incontrerai una persona del tutto inasepettata e ti cambierà la vita,che saprà amarti come meriti e renderti felice!
Non farti dominare dal brutto ricordo di una storia finita,ma continua ad andare avanti credendo all’amore..E ricorda che dopo la tempesta ritorna sempre il sole!
Ti abbraccio Raffaella

Cara Teresa come dice la prof l’Amore é una sorta di Mistero perché non viene mai capito fino in fono.Infatti un giorno ci porta alla felicitá estrema mentre altri all’esasperazione completa,peró anche se fa male noi dobbiamo cercare in tutti i modi di non abbatterci si é difficile ,ma se ci facciamo prendere dalla rabbia e dal dolore completo renderemo la nostra vita un calvario.Dopo una delusione d’amore é difficile rialzarsi e andare avanti ma una cosa é importante ricordare che in questo mondo nn siamo soli e in un modo o nell ‘altro riusciremo a trovare davvero chi ci ama e chi ci apprezza davvero per quel che siamo. Ti abbraccio con vsro cuore.

Cara Teresa come dice la prof l’Amore é una sorta di Mistero perché non viene mai capito fino in fono.Infatti un giorno ci porta alla felicitá estrema mentre altri all’esasperazione completa,peró anche se fa male noi dobbiamo cercare in tutti i modi di non abbatterci si é difficile ,ma se ci facciamo prendere dalla rabbia e dal dolore completo renderemo la nostra vita un calvario.Dopo una delusione d’amore é difficile rialzarsi e andare avanti ma una cosa é importante ricordare che in questo mondo nn siamo soli e in un modo o nell ‘altro riusciremo a trovare davvero chi ci ama e chi ci apprezza davvero per quel che siamo. Ti abbraccio con vsro cuore.

Ciao Teresa. Ho letto questo tuo articolo, hai espresso le tue emozioni e le tue insicurezze. Da quanto ho capito, sei una ragazza molto dolce. A mio parere non dovresti darti colpe che non ti appartengono e se è ‘finita’ vuol dire che così doveva andare e non è colpa di nessuno. Prova a pensare positivo e ad andare avanti senza essere triste e a pensare negativo, in questo modo guarderai altre persone con altri occhi.

Cara Teresa. Come tu ben sai io ho passato un episodio che si può definire “peggiore del tuo”,però dopo questo ho capito che l’amore vero arriva al momento giusto, sai essere tradita da una amica è una cosa molto brutta. Come dice una poeta di cui non ricordo il nome:”Non aver fretta in amore, perché nei libri il lieto fine è all’ultima pagina.
Ps: Comunque ti voglio bene amica mia

Davvero molto bello
Una ragazza con sentimenti così profondi merita il meglio dell’amore e della vita
Spero davvero incontri la persona giusta

Ciao Teresa, siamo Antonella e Anna Chiara, le tue compagne di classe, volevamo solo dirti che l’amore è un mistero che deve essere controllato e come spesso anche in classe abbiamo spiegato che l’amore si coniuga con la libertà e non con la costrinzione. Quindi va avanti che la vita e pensa a divertirti.

Cara Teresa,
l’amore è un sentimento sempre presente nella nostra vita,ci accompagna ovunque e ci fa stare bene.Può chiamarsi amore anche il bene immenso per un fratello,la fiducia di un amico,la protezione per un figlio oppure avere cura del proprio animale domestico.Tutto quello che alimenta sensazioni positive al cuore e alla mente è amore.Non bisogna paragonare questo sentimento a un inferno oppure a qualcosa di negativo solo per una delusione.Bisogna trovare la persona giusta e bisogna conoscerla,conoscere il suo carattere, le sue qualità e i suoi difetti.

Cara Teresa,
Ammiro tantissimo questa tua lettere, mi affascina moltissimo.
Io ho 14 anni e non posso dire che ho avuto molta esperienza in questo campo, però credo che l’amore sia un sentimento incontrollabile, pieno di sorprese e spesso, molto spesso, fa molto male però penso che sia normale perche se una persona ama senza soffrire secondo me non è vero amore, perché per la persona amata si fa di tutto, anche l’impossibile.
L’amore ci fa stare male quando capiamo che il sentimento proveniva solo da noi, e non veniva ricambiato; oppure quando crediamo che sia finito e in realtà non è mai iniziato.
L’errore più grande secondo me è stato quello di cercare l’amore,
che veniva a mancare da lui, da qualcun’altro e mentre pelarlavo mi sono innamorata…questioni di attimi direi, restandone fregata due volte.
Sul fatto che il tempo non cancella ma è vero perché quando lo rivedi,a anche se non sei più innamorata di lui, provi sempre quel sentimento di gelosia, tristezza(forse perché lo vedi felice) vergogna ma anche rabbia.
L’unico sbaglio che tu possa fare è di non fare qualcosa per paura di sbagliare.
Finisco con una frase di Papa Francesco:”Non esiste l’amore a puntate, l’amore a porzioni.L’amore è totale e quando si ama,si ama fino all’estremo”.

Prendo spunto da una frase che mi è uscita dai baci perugina “è l’amore un volatile ribelle che in gabbia mai non sta” di George Bizet. Questa frase dice in poche parole quello che anche io penso sull’amore. Si, l’amore è un sentimento libero, si può amare la propria madre, il proprio cane ma anche il proprio fidanzato. Ci sono vari tipi di amori, quello innato e quello che scoppia all’improvviso. Anche io sono una ragazza di 17 anni e non sono fidanzata, ma per me l’amore è vedere mia mamma che ogni giorno si alza e per ogni uno di noi prepara da mangiare, lava e stira. L’amore è mio padre che torna a casa stanco ma ha sempre la forza di farci ridere e smorzare anche le giornate più pesanti. Per me l’amore sono i miei nonni che quest’anno festeggiano i loro 50 anni di matrimonio. Essendo una ragazza anche io sogno un’amore così, e per questo non sono alla continua ricerca ma lo aspetto perché so che arriverà nel momento in cui non me lo aspetto !

L’amore è amore solo quando è dato senza che in cambio si aspetti qualcosa;l’amore è prendersi cura della persona che si ha al proprio fianco;l’amore è una presenza costante dell’altro che lotta insieme, senza voltare le spalle al primo ostacolo; l’amore è esserci nonostante i difetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.