Papa Francesco

Da oggi in libreria “Ave Maria” il nuovo libro di papa Francesco

Ave Maria - Papa Francesco

(Foto Papa Francesco: giulio napolitano / Shutterstock.com)

A cura della Redazione

Si chiama "Ave Maria" ed è il libro in cui papa Francesco affronta il mistero di Maria ripercorrendo la preghiera mariana in un dialogo con don Marco Pozza, teologo e cappellano del carcere di Padova.

In coedizione Rizzoli-Lev, “Ave Maria” il nuovo libro in cui papa Francesco affronta il mistero di Maria percorrendo, verso per verso, la preghiera mariana in un dialogo con don Marco Pozza, teologo e cappellano del carcere di Padova.

Il testo prende spunto da una conversazione del Santo Padre con don Pozza per il programma “Ave Maria”, in onda su Tv2000 dal 16 ottobre. La Madonna, sottolinea il Santo Padre: “È la normalità, è una donna che qualsiasi donna di questo mondo può dire di poter imitare”.

“Lavorava, faceva la spesa, aiutava il Figlio, aiutava il marito”. Eppure, questa creatura “normale” diventa lo strumento di una nuova creazione, di un nuovo patto: “All’inizio la ri-creazione è il dialogo tra Dio e una donna sola”.

Ed è proprio qui sulla donna e il suo ruolo che si concentra la riflessione di Francesco: “La Chiesa è donna, la Chiesa non è maschio, non è ‘il’ Chiesa. Noi chierici siamo maschi, ma noi non siamo la Chiesa”.

Per info sul libro clicca qui: https://www.ibs.it/ave-maria-libro-francesco-jorge-mario-bergoglio/e/9788817108096?lgw_code=1122-B9788817108096&gclid=CjwKCAjwo_HdBRBjEiwAiPPXpJGAV4JXVNpz2w93mZZKS_Z-PJDZWl0dyWWT8jybZ9u18zJsgdN3ihoCohMQAvD_BwE




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.