Pornografia

Questa sera su Radio Maria lotta alla pornografia

televisione

pexels

A cura della Redazione

Con l’avvento del web la pornografia miete sempre più vittime. Il dibattito questa sera su Radio Maria in una speciale puntata dedicata alle derive del porno.

Questa sera puntata speciale della rubrica “Diventare genitore” in onda su Radio Maria a partire dalle ore 21.00. Al centro della riflessione quella che sta assumendo sempre di più i contorni di una vera e propria pandemia sociale: la pornografia.

Un problema enorme e non solo sul piano etico. Basti pensare che il 25% del traffico internet mondiale ha carattere pornografico. Esistono più di 4 milioni di portali dedicati alla pornografia e sono circa 150 milioni le pagine virtuali pornografiche visitate ogni giorno. Il fatturato annuo del mercato pornografico via internet vale 100 miliardi di dollari (supera ampiamente il fatturato di Google, Facebook, Microsoft …).

Le derive? Ipersessualizzazione precoce, dipendenza dal porno, oggettificazione del corpo e soprattutto di quello femminile, fino alla violenza e soprattutto alla violenza di genere.

Cosa fare dunque per porre rimedio a tutto questo? Ne parleremo insieme in una puntata speciale della rubrica “Diventare genitore” in onda su Radio Maria a partire dalle ore 21.00.

Ospite d’eccellenza Massimiliano Padula, docente incaricato di Sociologia e Comunicazione presso l’Istituto Pastorale Redemptor Hominis della Pontificia Università Lateranense e presidente del Copercom, organo atto al coordinamento delle Associazioni per la comunicazione.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.