Eutanasia e suicidio assistito

Cantelmi: “Non accetteremo mai di smettere di curare”

Tonino Cantelmi

a cura della Redazione

Si svolgerà il prossimo 11 settembre presso il Centro Congressi CEI un evento di riflessione sulla autentica dignità della morte e del morire. “Eutanasia e suicidio assistito. Quale dignità della morte e del morire?” si intitola così l’incontro a cui prenderà parte anche il Cardinale Gualtiero Bassetti. Cinquanta le Associazioni presenti e tra queste anche Punto Famiglia. Di seguito l’intervento del professor Tonino Cantelmi.

“La risposta a chi chiede di morire non è l’eutanasia o il suicidio assistito ma è fatta di vicinanza, ascolto, accompagnamento. Occorre inoltre garantire a tutti i malati terminali l’accesso a cure palliative e terapia del dolore”. Così lo psichiatra Tonino Cantelmi lancia l’allarme sul fenomeno emergente di persone con patologie mentali che in Italia chiedono di accedere a queste procedure all’estero

Chi chiede di essere aiutato a morire vive “in uno stato di profonda depressione e delusione nei confronti dell’umanità”. La sua è in realtà “una domanda di vicinanza e sostegno”. Non ha dubbi dunque Cantelmi, che esprime al Sir la sua assoluta contrarietà a risposte “disumane” come eutanasia e suicidio assistito e assicura: “Non accetteremo mai di smettere di curare”. Il tema sarà al centro di un incontro di alto profilo sul fine vita, in programma il prossimo 11 settembre a Roma. All’appuntamento interverrà anche il cardinale presidente della Cei, Gualtiero Bassetti. 

Lo scorso 18 luglio, intanto, il Comitato nazionale per la bioetica (Cnb) ha rilasciato un parere sull’eticità del suicidio assistito, al quale è seguita il 30 luglio una precisazione dello stesso Cnb per fare chiarezza sul cortocircuito mediatico che ha fornito una rappresentazione impropria del parere presentandolo erroneamente come una sorta di apertura al suicidio assistito. Cantelmi esprime preoccupazione per la possibilità che un eventuale intervento della Consulta possa “legittimare” nel nostro Paese l’aiuto al suicidio e lancia un allarme: “Da psichiatra non posso non segnalare che in Olanda e in Belgio, Paesi nei quali sono stati introdotti da tempo eutanasia e suicidio assistito, a queste pratiche inizialmente riservate a malati terminali, accedono sempre più pazienti psichiatrici e malati di Alzheimer e a questo fine sono attive dall’aprile di quest’anno specifiche linee guida. L’ultimo caso è quello di una ragazza malata di anoressia”. 

“Tutte le persone depresse pensano alla morte come soluzione al loro stare male – spiega lo specialista – ma assecondare questa richiesta significherebbe arrendersi al disagio psichico e non curarle più”. Cantelmi racconta di essere stato già contattato da un paio di persone che gli hanno chiesto di visitarle e rilasciare loro un certificato per recarsi in Svizzera e avere accesso al suicidio assistito. Secondo l’Oms, prosegue, “nel 2030 la maggiore spesa sanitaria mondiale sarà legata ai problemi di salute mentale e la risposta che stiamo preparando – eutanasia o suicidio assistito – è disumana. Per noi psichiatri è un fatto di una gravità devastante perché facciamo un’enorme fatica per curare le persone e salvarle prevenendo il suicidio e accompagnandole nella sofferenza”. È un grido accorato quello dello specialista che assicura: “Non accetteremo mai di smettere di curare offrendo alle persone, oltre ai trattamenti, vicinanza, prossimità e attenzione”.

Alla domanda su che cosa ci sia realmente dietro una richiesta di aiuto a morire, Cantelmi risponde: “I pazienti psichiatrici, ma in generale tutti quelli che chiedono il suicidio assistito vivono in uno stato di profonda depressione e delusione nei confronti dell’umanità. Si sentono lasciati soli, abbandonati, a volte avvertono di costituire un peso per gli altri. La loro, in realtà, non è una domanda di morte ma di ascolto e di aiuto. Sono convinto che con una risposta di vero accompagnamento e vicinanza, queste richieste sarebbero molto meno numerose”.

E in questa risposta di umanità, a farla da leone sono le cure palliative che tuttavia sono a macchia di leopardo sul territorio e non costituiscono ancora un diritto effettivo per tutti i cittadini. Per Cantelmi “le cure palliative andrebbero incrementate e devono essere accessibili a tutti coloro che le richiedano. Abbiamo una delle migliori leggi in assoluto, ma viene disattesa e molte persone non ne conoscono neppure l’esistenza. Un’ulteriore offesa che ci indigna”.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.