Lgbt

Avanti tutta con il modello di “famiglia liquida”

matrimonio gay

di Ida Giangrande

“Tante famiglie, tanto amore” recita così il nuovo spot di Rete4. Protagonista? La famiglia liquida. A giudicare dai commenti il pubblico non sembra gradire, ma a chi interessa?

Sembra uno spot pubblicitario come tanti altri quello diffuso da Rete4, una delle tre ammiraglie di Mediaset, proprio in questi giorni. La musica in sottofondo, la famiglia al centro, non un solo modello di famiglia, ma tutte… tutte quelle che la fantasia dell’uomo può creare. C’è la famiglia etero che si abbraccia teneramente, in apertura ovviamente per non urtare fin da subito la suscettibilità dei telespettatori. Immediatamente dopo, in una nuance di sfumature strategicamente pensate, si susseguono le immagini di un uomo che coccola un cane, due mamme che sollevano in alto un neonato, subito dopo segue l’immagine di una coppia di anziani che si bacia teneramente sulla fronte e, infine, due ragazzi che si baciano e due ragazze che si tengono per mano, in modo che il messaggio risulti forte e chiaro.

Niente di nuovo sotto il sole, verrebbe da dire. Non si tratta del primo spot pubblicitario in cui il modello di famiglia naturale è affiancato, per non dire sostituito, da “alternative valide”. Basti pensare che anche Google Home ha scelto una famiglia arcobaleno, composta da due papà e due bambini, nel nuovo spot pubblicitario.

A giudicare da alcuni commenti tuttavia pare proprio che il messaggio non sia piaciuto ai telespettatori. Nei giorni scorsi infatti, sono piovute critiche del tipo: «Non è solo Rete4… è il nuovo lavaggio di cervello».  «Fermate il mondo voglio scendere». Ma chissà per quale motivo i media non prendono in considerazione questi importantissimi feedback.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.