Presepe

Genitori e figli davanti al presepe…

Presepe

a cura della Redazione

La piccola famiglia di Nazaret ha ancora qualcosa da dirci oggi come oggi? Come aiutare i più piccoli a sostare davanti al presepe? E soprattutto come trasmettere la spiritualità del Natale in contesti di vedovanza o di separazione? Questa sera su Radio Maria una puntata speciale della rubrica “Diventare genitore”.

Il Natale si avvicina, mentre in giro spuntano luminarie e addobbi sui giornali ritorna la polemica sul presepe nelle scuole. Alcune maestre avrebbero annullato la tradizionale recita natalizia in rispetto delle diverse confessioni religiose, altri presidi avrebbero già dato incarico di allestire un bellissimo albero ma di presepi nemmeno l’ombra. Ma senza presepe che senso ha festeggiare il Natale del Signore? Quanto è importante allestire quella antica capanna con il piccolo Gesù nel giaciglio di paglia? 

Domande di senso su cui vogliamo riflettere insieme questa sera nel corso di una puntata speciale di Diventare genitore, la rubrica condotta da Giovanna Pauciulo e Ida Giangrande in onda su Radio Maria a partire dalle ore 21.00. La piccola famiglia di Nazaret ha ancora qualcosa da dirci oggi come oggi? Come aiutare i più piccoli a sostare davanti al presepe? E soprattutto come trasmettere la spiritualità del Natale in contesti di vedovanza o di separazione?

Ad aiutarci nella riflessione tematica la dottoressa Fabi Arianna, psicologa e psicoterapeuta, membro del Progetto Pioneer. Accanto a lei come sempre tante bellissime testimonianze di una fede vissuta e incarnata nel contesto della vita ordinaria.

L’appuntamento dunque è per questa sera a partire dalle ore 21.00 su Radio Maria.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.