Donne con barba e coppie gender neutral: in arrivo le nuove emoji…

smartphone

L’Unicode Consortium, darà la possibilità, agli utenti di tutto il mondo, di usufruire dell’aggiornamento dello standard 13.0. In cosa consiste? In una nuova ricca scelta di faccine, 217, alcune delle quali perfettamente allineate con la cultura dominante in merito all’identità di genere.

Già da tempo nei più prestigiosi negozi di bomboniere sono apparsi gli sposi gender. Ora le immagini di coppie gender fluid arrivano anche sullo smartphone. 

Il progetto era stato rimandato a causa del coronavirus, ma ora è ufficiale: al posto delle emoji del pacchetto 14.0, l’Unicode Consortium, darà la possibilità, agli utenti di tutto il mondo, di usufruire dell’aggiornamento dello standard 13.0. In cosa consiste? In una nuova ricca scelta di faccine, 217, alcune delle quali perfettamente allineate con la cultura dominante in merito all’identità di genere. 

Accanto alle immagini di due nuovi cuori (uno fasciato l’altro circondato da fiamme) e a tre nuovi smiley, abbiamo rappresentazioni di coppie gender neutral di ogni razza, di donne barbute (per la precisione, accanto alla dicitura “uomini con barba” c’è anche la dicitura “donne con barba” e il non ben precisato “persone con barba”).

Dunque la convinzione che maschi e femmine non si nasca ma si diventi, deve accompagnarci in ogni momento della giornata permeando ogni nostra attività anche il tempo che trascorriamo con il cellulare. Per gran parte di noi le faccine sono ormai divenute parte integrante delle comunicazioni online, almeno di quelle informali, elementi ai quali fare affidamento per trasmettere uno stato d’animo o una sensazione senza ricorrere alle parole, facendo leva su una suggestione puramente visiva. 

Se è vero che le parole sono importanti, lo stesso vale per quei piccoli simboli attraverso i quali veicoliamo messaggi non scritti. Sulla base di questa consapevolezza, Google aveva già annunciato l’introduzione di 53 emoji che potremmo definire gender fluid, disegnati in modo da non rappresentare tratti identificativi del genere maschile né di quello femminile. Ora il diktat della cultura gender (che si basa su una pura teoria senza alcuna validità scientifica) avanza invadendo anche lo smartphone.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.