16 dicembre 2020

16 Dicembre 2020

Le piccole punture di spillo quotidiane | 16 dicembre 2020

di Giovanna Abbagnara

Ieri sera ero come sempre di corsa. Il pomeriggio della stagione invernale è più breve? Tra le faccende domestiche, il lavoro, il telefono che si illumina continuamente, arriva l’ora della Celebrazione Eucaristica e sgranando il Rosario per impormi un minimo di preparazione, corro per raggiungere la mia parrocchia. Parcheggio con calma. Sono in anticipo di tre minuti. Percorro la piazzetta che mi separa dalla chiesa e mentre cerco, mascherina al volto e occhiali appannati di leggere una mail che mi è appena arrivata sullo smartphone, non vedo una buca e precipito rovinosamente a terra sbucciandomi le ginocchia come quando avevo sette anni e non sapevo in alcun modo portare la bicicletta. 

Per fortuna non c’era nessuno ad assistere alla mia buffa caduta. Mi sono rialzata subito ma sentivo già un bruciore tremendo mentre entravo in chiesa e durante la Messa sentivo il sangue in piccoli rivoli imbrattarmi le gambe. Una piccola sofferenza. Lo so. Non vorrei di certo ingigantire l’accaduto anche se ora mi ritrovo le ginocchia gonfie di un giocatore di rugby. Tuttavia questo piccolo episodio e questa Eucaristia vissuta con tutto il disagio del momento mi ha fatto molto riflettere. Nella vita arrivano spesso dei grandi dolori, sofferenze che ci tolgono tutto: l’entusiasmo, la voglia di vivere, l’amore. Poi ci sono quelle “piccole punture di spillo” come le chiamava la mia amata Santa Teresa di Gesù Bambino, quelle mortificazioni quotidiane che se accolte e vissute con amore possono trasformare il cuore e condurci sulla strada della conversione.

Io non so come si fa. O meglio non esiste una scuola che insegni come sopportare le piccole croci di ogni giorno. Quel fratello che ti risponde bruscamente e senza carità, quel figlio che non ne vuole proprio sapere di ascoltare i tuoi consigli, il marito che dopo vent’anni lascia sempre le pantofole in salotto prima di uscire di casa. Non credo ci siano in giro manuali per superare le mortificazioni. So che il Maestro non ha esposto nessuna teoria sulla sofferenza e sulle difficoltà. So che ci ha indicato una strada. Lui stesso ha assunto su di sé tutto il dolore del mondo. Ecco le piccole difficoltà di ogni giorno ci educano ad accogliere il grande mistero della croce. Dobbiamo dunque ringraziare ogni volta che accogliamo un piccolo dolore con amore.

Nelle Lettere di Berlicche di C.S. Lewis, lo zio all’affezionato nipote Malaconda descrive la pedagogia di Dio con l’uomo: “È pronto a dominare un pochino all’inizio. Le metterà in moto con comunicazioni della Sua presenza che, quantunque deboli, sembrano grandi per esse, con emozioni dolci, e facendole superare facilmente le tentazioni. Ma non permette mai che questo stato di cose duri a lungo. Presto o tardi ritira, non di fatto, ma dalla loro esperienza consapevole, tutti i sostegni e gli incentivi. Lascia che la creatura stia in piedi sulle sue stesse gambe — a compiere puramente con la volontà doveri che hanno perduto ogni gusto. È durante tali periodi di elevazione, che la creatura diventa di quel genere che Egli desidera che sia. […] Egli vuole che essi imparino a camminare, e perciò deve tirar via la mano; e purché ci sia veramente la volontà di camminare, Egli sembra gradire perfino il loro inciampare”.

L’esercizio quotidiano di inciampare sulle difficoltà ma di rialzarsi prontamente e, dolorante continuare a stare al proprio posto, è molto gradito a Dio. La storia della salvezza è rastrellata di piccoli e grandi ostacoli. Se impariamo a consegnare tutto a Lui, Egli ne trarrà un bene più grande.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.