15 gennaio 2021

15 Gennaio 2021

Nessuno si permetta di chiamarmi “genitore 2” | 15 gennaio 2021

di Giovanna Abbagnara

Quello che mi è chiaro da questa crisi è che la storia cambia ma chi governa no. Non mi piace sparare sulla Croce Rossa. Nel tempo delle difficoltà dovremmo restare uniti. Sì, belle parole che servono solo a qualcuno per continuare a seminare quella cultura che in ogni modo sminuzza e distrugge la famiglia.

Tra le urgenze presentate al tavolo delle discussioni: eliminare la dicitura padre e madre dalla carta di identità dei minori di 14 anni e dai moduli di iscrizione a scuola dei bambini. Perbacco mi sembra che le questioni debbano avere la priorità assoluta! A comunicarlo, durante il Question time alla Camera, è stata la ministra degli Interni Luciana Lamorgese che in questo modo fa scacco matto a Matteo Salvini che li aveva recuperati quando il Viminale era sotto la sua guida.

La motivazione della ministra? Garantire conformità al quadro normativo introdotto dal regolamento Ue in materia di trattamento dei dati personali e per superare le problematiche applicative segnalate dal Garante della privacy. In poche parole? Le definizioni ‘padre’ e ‘madre’ tagliano fuori la genitorialità delle coppie omosessuali. Cosicché ancora una volta il pensiero lgbt distrugge i fondamenti sui quali si poggia la famiglia, per che cosa? Perché si sente discriminato dalle parole e dalle definizioni. È chiaro che cambiando il linguaggio, è la mentalità e la cultura che subiscono una trasformazione radicale.

Ma evitando di difendere ciò che non ha bisogno di essere difeso e cioè la paternità e la maternità, dimensioni che queste ridicole decisioni non potranno mai cambiare, mi chiedo ma poi chi stabilirà chi è il genitore 1 e il genitore 2? Chiedo perché da madre non sarei proprio disposta a essere considerata genitore 2 e sinceramente non credo nemmeno mio marito mi lascerebbe facilmente il primo posto. Dunque che facciamo? Tiriamo a sorte? Chiediamo il divorzio perché non riusciamo proprio a raggiungere un accordo? Nel pensiero politicamente corretto, vuoto, insignificante e vacuo, non c’è nessuno che grida ad una forma di razzismo verso il secondo?

Caro Orazio, di nobil memoria, avevi proprio ragione tu! Ci sono troppe persone che ci fanno perdere tempo parlando di questioni banali e stupide, questioni di lana caprina appunto. Ma vogliamo essere seri? Insomma la smettiamo con questo finto perbenismo, con questa finta accoglienza di tutto e di tutti? Non abbiamo ancora capito che abbiamo bisogno di autorevolezza, di guide sicure, di valori garantiti e vissuti?

L’unica evidenza che ho sotto i miei occhi è la risorsa famiglia, fondata sull’unione di un uomo e di una donna che generando figli, nella carne o non, diventano padre e madre. Punto. Distruggendola non apparirà una società migliore ma una Babele condannata all’infelicità. 


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.