RU486

RU486: quali i rischi e gli effetti della pillola abortiva?

foto per convegno

a cure della Redazione

Si terrà venerdì 12 febbraio il convegno “Aborto farmacologico: effetti e rischi della RU486” organizzato da Punto Famiglia e Progetto Famiglia Vita. Interverranno Marina Casini, presidente del Movimento per la Vita e Giorgia Brambilla, docente di Bioetica.

Venerdì 12 febbraio a partire dalle ore 20.30 si terrà il convegno dal tema “Aborto farmacologico: effetti e rischi della RU486”. La RU486 è comunemente definita ‘pillola’, ma in realtà le pillole sono due, una a base di mifepristone e l’altra a base di misoprostolo da assumere a distanza di 48 ore; esse servono rispettivamente a cagionare la morte del concepito e a provocare le contrazioni espulsive. È un processo che dura due giorni e che non è affatto esente da rischi per la salute della donna ma anche per la sua vita, tanto che in qualche caso si sono verificati episodi di morte. Dopo le linee guida emanate ad agosto dal Ministro Speranza e che prevedono la non obbligatorietà del ricovero per l’assunzione del farmaco, si cercherà di fare chiarezza su una cultura che tende sempre di più a spostare lo sguardo dal concepito al diritto della donna, con gravi conseguenze anche sulla donna. 

L’occasione, a pochi giorni dalla 43esima Giornata per la Vita, sarà propizia anche per ricordare lo straordinario impegno per il bambino non ancora nato dell’onorevole Carlo Casini, fondatore del Movimento per la Vita Italiano e scomparso lo scorso 23 marzo 2020. 

Ad intervenire, Marina Casini, attuale presidente del Movimento per la Vita italiano e figlia del compianto Carlo. Giorgia Brambilla, docente ordinario presso l’Ateneo Pontificio “Regina Apostolorum” (APRA) e incaricato presso la Pontificia Università Lateranense. 

L’evento, promosso da Fraternità di Emmaus, Progetto Famiglia Vita e Punto Famiglia, sarà trasmesso attraverso le pagine social di Punto Famiglia (Facebook, Twitter e Youtube).




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.