8 Settembre 2021

A te, o Maria, memoria grata, ogni giorno

Oggi è andato in stampa, nel giorno della Natività della Beata Vergine Maria, un libretto a mia firma dedicato al mese del Rosario. Non è stato semplice. Parlare, scrivere su Maria di Nazaret, la Madre di Gesù è sempre molto difficile. È molto facile cadere in banali considerazioni o addirittura improprie. Ho cercato di evitare con cura ogni forma di grettezza nel considerare Colei che nel mio cammino di fede è la donna che mi ha dolcemente condotto a Gesù. 

E l’ho fatto collocando Maria nel suo contesto autentico cioè a partire dalla Scrittura, dai Vangeli in modo particolare, che sono lo spazio in cui attraverso poche e semplici parole la Madre offre ancora a noi oggi la garanzia che Dio entra nella storia dell’uomo, come colui che “ha rovesciato i potenti dai troni e ha innalzato gli umili!”. Esattamente come ha fatto nella sua vita di docile fanciulla a Nazaret.

Parliamo spesso dei segni dei tempi. La pandemia ci ha costretto a porci delle domande di senso, profonde. Ebbene in questo tempo Maria è il Segno dei segni, la testimonianza più bella che Dio entra nel tempo e ci salva. Ci salva perché Lei ha detto “sì” e ha permesso all’Onnipotente di entrare nella storia degli uomini, nella nostra storia e di donarci il suo Figlio.

Questo piccolo lavoro permette di fare un viaggio tra i misteri del Rosario e contemplare le parole, i silenzi e le azioni della Vergine Maria. Alla sua sequela impariamo a vivere da discepoli del Figlio e da figli del Padre celeste. Quando ogni giorno stringiamo la corona tra le mani noi compiamo un cammino graduale di amore, fede, riconoscenza e speranza. È Maria a condurci, è Maria a consolare le nostre lacrime, è Maria a ridonarci il sorriso. È un piccolo atto di riconoscenza a Colei che non mi ha mai lasciata sola. Un fiore, alla Donna e alla Madre più bella dell’universo.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.