20 Settembre 2021

I figli ci guardano, rispondiamo con una vita piena

Ero seduta alla scrivania, nel luogo della casa a me riservato per scrivere, leggere, pregare. Mia nipote Teresa era intenta a giocare sulla poltrona con gli scacchi di legno acquistati su una bancarella a Cracovia, durante un pellegrinaggio in Polonia di qualche anno fa. La sua voce delicata che descriveva colloqui immaginari tra la torre e la regina faceva da sfondo ai miei pensieri mentre correggevo un articolo per il nostro magazine, quando all’improvviso si avvicina e si ferma a guardarmi.

Mi giro subito verso di lei domandandole se avesse fame o sete, quando lei mi chiede: “Zia mi racconti una storia?”. Non è la prima volta. Credo di aver esaurito in questi anni tutte le mie conoscenze letterarie in termini di fiabe e racconti ma so che lei ama sentirsi raccontare di Gesù. E alla fine di ogni episodio della vita del Maestro, anche il più gioioso, spalanca i suoi occhioni su di me e chiede: “Perché hanno ucciso Gesù?”. Non riesce a farsene una ragione, ad ogni crocifisso in casa, si ferma e pone sempre la stessa domanda. Ed io mi ritrovo sempre spiazzata di fronte a quell’interrogativo. Una richiesta che esige una risposta, una risposta che deve contenere una verità, la verità capace di dare senso alla sua tristezza.

I figli vengono al mondo con una insopprimibile voglia di verità, di bene, di bellezza, cioè con il desiderio di essere felici. Ma quali padri, quali maestri, quali testimoni hanno di fronte? Hanno bisogno che qualcuno assicuri loro che vale la pena venire al mondo, che vale la pena amare, che vale la pena sacrificarsi perché l’altro cresca e rincorra il Bene, il vero Bene.

“Il ricordo più vivo che ho di [mio padre] era che quando entrava s’inginocchiava in mezzo alla stanza e cominciava: «Padre nostro che sei cieli … ». Lo guardavo e, rispetto a tutti gli altri, mio papà era il re dell’universo; io lo guardavo e capivo che in lui la vita era una saggezza. Aveva uno sguardo sulle cose che tutti i miei professori di università che hanno cercato d’insegnarmi che cosa fosse l’educazione non se lo sognavano neanche. Lui guardava le cose e le conosceva: lo capivi da come si muoveva, da come stava, da come cantava, da come giocava a carte, da come serviva a tavola noi figli e tutti gli amici che sono venuti dopo. Era uno che potevi scommetterci che sapeva le cose, le conosceva, che avrebbe potuto spiegarti che cos’è il bene e che cos’è il male, che cos’è la gioia, che cos’è il dolore, perché si muore, perché si fa fatica, perché bisogna vivere e che cosa ci aspetta alla fine” è Franco Nembrini, scrittore e professore di italiano, figlio di don Giussani, che racconta di suo padre e di come è stato per lui un maestro, un testimone. 

E ancora Nina, sorella di papa Giovanni Paolo I: “La mamma è sempre stata un faro per lui. A noi altri il catechismo l’aveva insegnato lei, magari quando ci lavava o ci vestiva al mattino o ci metteva a letto la sera. Ci aveva insegnato così anche tutte le preghiere. Sapeva tutto il catechismo di Pio X a memoria. Era una donna di grande fede. Quando l’Albino entrò in seminario, gli disse queste parole: «Guarda, io sono contenta che tu vai, ma non devi farti riguardo di me, ricordati che sei libero. Se non ti trovi, non star lì a pensare, torna subito a casa. Meglio un bravo ragazzo che un cattivo prete»”.

Chi si è nutrito nella sua famiglia del pane della fede, ha portato nella valigia del tempo, perle preziose per la sua vita. Immagini, parole, fatti capaci di rispondere alle domande di senso che ciascuno si porta nel cuore.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.