8 Ottobre 2021

“Prometto di… onorarti tutti i giorni della mia vita”

Una delle principali ragioni di naufragio di un matrimonio ritengo sia il venir meno della stima reciproca. Non è solo un problema relazionale, cioè non riguarda solo la sfera personale di quello che io penso o non penso del mio sposo o della mia sposa. Non avere stima dell’altro significa essere mancanti nelle promesse che ho fatto con il mio matrimonio. Accanto all’amore, la disponibilità ad onorarsi nel sacramento è ribadita due volte.

In una delle domande rivolte agli sposi nel rito nuziale il sacerdote chiede: “Siete disposti, seguendo la via del Matrimonio, ad amarvi e a onorarvi l’un l’altro per tutta la vita?” e poi nella promessa reciproca si afferma: “di amarti e onorarti tutti i giorni della mia vita”. Cosa significa il termine onorare l’altro? Considerarlo un tesoro unico, un dono da custodire, una perla preziosa per usare un’espressione evangelica. Tante persone soffrono perché non hanno avuto o sentito la stima dei genitori, ma l’onore che dà una moglie o un marito può compensare questa ferita, è come una seconda possibilità che la vita ci offre, un’occasione di riscatto. E solo chi amiamo può fare questo. La stima degli altri vale ma fino ad un certo punto perché nessuno ci conosce veramente come ci conosce uno sposo e una sposa e nonostante tutto ti stima. C’è un dialogo stupendo nel film di Robin Williams, Il genio ribelle, tra lo psicologo e il giovane genio Will quando parlano dell’amore e della difficoltà del ragazzo a lasciarsi andare all’amore di una ragazza per paura di restare ferito.

Il dottore si rivolge al ragazzo e gli dice parlando di sua moglie morta di cancro da due anni: “Ho trascorso con lei momenti stupendi…Momenti stupendi, sai, piccole cose così. Però… sono queste le cose che più mi mancano. Le piccole debolezze che conoscevo soltanto io. Questo la rendeva mia moglie. Anche lei ne sapeva delle belle sul mio conto, conosceva tutti i miei peccatucci! Queste cose la gente le chiama imperfezioni, ma non lo sono. Sono la parte essenziale. Poi dobbiamo scegliere chi fare entrare nel nostro piccolo strano mondo. Tu non sei perfetto, campione. E ti tolgo dall’incertezza: la ragazza che hai conosciuto non è perfetta neanche lei. Ma la domanda è se siete o no perfetti l’uno per l’altra. È questo che conta”. Questo dialogo dice tutto l’amore e tutta la stima dell’uomo per questa donna che amava proprio nelle sue imperfezioni.

Ma cosa onorare nell’altro tanto da farci dimenticare le sue inevitabili fragilità quelle comuni a tutti gli umani? Innanzitutto, il miracolo della sua presenza, della sua esistenza nella mia vita e il fatto che lui è per me, che lei è per me. Facciamo in qualche modo l’esperienza di Robinson Crusoe quando incontra Venerdì: in quel naufragio generale che è il mondo c’è un altro con cui condividere la vita. E poi la scoperta che proprio lui, proprio lei è un dono di Dio, onorarlo significa onorare colui che dona, il Signore e la sua immagine che in lui o in lei si riflette. Come è bello poter esclamare di fronte all’altro: Tu mi ricordi Dio e ti onoro per questo. Questo tratto della regalità mi piace molto. Tu sei il mio re, tu sei la mia regina. Che non significa cadere nell’idolatria e cioè mettere l’altro su di un piedistallo fino a farlo diventare l’idolo a cui sacrificare tutte le nostre energie ma significa riconoscere il mistero racchiuso nel suo cuore e donato a noi come una perla da custodire.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.