Gli obiettori? Risvegliano le coscienze per questo danno fastidio…

medicina

Secondo l’Associazione “Luca Coscioni”, la percentuale di medici obiettori in Italia non assicurerebbe il “diritto d’aborto”. La realtà è ben diversa: la coscienza rettamente intesa rimorde e gli obiettori sono una luce che indica la via.

L’Associazione radicale “Luca Coscioni” durante il suo Congresso Nazionale l’11 ottobre scorso ha presentato un dossier, a cura di Chiara Lalli docente di Storia della Medicina e Sonia Montegiove informatica e giornalista, sulla presenza degli obiettori di coscienza (per l’aborto). In Italia ci sono almeno 15 ospedali in cui il 100% dei ginecologi è obiettore di coscienza. Lombardia, Liguria, Piemonte, Veneto, Toscana, Umbria, Marche, Basilicata, Campania, Puglia le regioni con almeno un ospedale con il 100% di obiettori. E poi ci sono almeno altri 20 gli ospedali con più dell’80% di operatori sanitari obiettori (medici, anestesisti, personale non medico). E altri 13 quelli con una percentuale di personale medico e anche non medico che supera l’80%. Tutti a lamentarsi perché sarebbero un ostacolo all’aborto. 

Per l’Associazione “Luca Coscioni” la Relazione al Parlamento sulla stessa legge del Ministero della salute, pubblicata lo scorso 16 settembre, e i dati in essa contenuti restituiscono una fotografia poco utile, sfocata, parziale di quanto avviene realmente nelle strutture ospedaliere del nostro Paese. Dicono loro. Ma la Relazione del Ministero sostiene che il “diritto d’aborto” non è intaccato ed è disponibile per le donne in Italia. Ribadiamo che non esiste il “diritto d’aborto” nella Costituzione e anche… nel sentire della gente. Sono gli obiettori di coscienza che non sono tollerati. Forse perché risvegliano la coscienza degli altri. Questo è ben poca cosa rispetto a quello che accade in Spagna. Dopo la “ley trans” (la legge sui transessuali) il ministro Irene Montero punta all’aborto liberissimo: no ai tre giorni di riflessione, no al consenso dei genitori per i minori, no ai camici obiettori, sì alle pene per i gruppi pro vita.

Leggi anche: “Non vorrei vedere, ma l’obiezione di coscienza non mi esonera dall’assistere”

L’agguerrita e arrabbiata Irene Montero, tra i cinque ministri di Podemos rimasti in carica dopo il rimpasto di Sánchez, dice che «La Spagna è pronta a depenalizzare definitivamente l’aborto», «il diritto dei medici all’obiezione di coscienza non può essere superiore al diritto di scelta delle donne». Incassata la vittoria sulla “ley trans” che consentirà il cambio di sesso all’anagrafe a partire dai 12 anni (!), Irene Montero punta smantellare la legge sulla salute sessuale e riproduttiva.

Per il Ministro dell’Uguaglianza è inammissibile che un medico si metta di mezzo tra un bambino e il diritto una donna di sopprimerlo in «un ospedale pubblico, vicino a casa, scegliendo il metodo preferito». Peraltro la Spagna vuole una legge simile a quella francese dove c’è addirittura il “reato di intralcio all’aborto”, esteso anche a internet. Questo significa che non è possibile fornire informazioni ma nemmeno pubblicare testimonianze di donne che hanno descritto la loro scelta di interrompere la gravidanza come controversa e dolorosa. Ma i medici spagnoli non ci stanno. Il Consiglio generale dell’ordine dei medici si è scagliato contro Montero e la sua stizza contro il “medico obiettore”. È una riforma «cattiva, inaccettabile, illegale e ingiusta», dicono i camici bianchi. Anche il presidente del Comitato di Bioetica della Spagna, Federico De Montalvo, dice che lo “Stato è obbligato a garantire che qualsiasi donna possa accedere a un Ivg, ma anche che un medico possa opporsi e che non debba essere discriminato per questo”. I Radicali e gli abortisti in generale non riescono a capire perché tanti medici rinunciano ad una pratica che uccide, che papa Francesco senza mezze parole ha definito un “omicidio”. La coscienza rettamente intesa rimorde e gli obiettori sono una luce che indica la via.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Gabriele Soliani

Gabriele Soliani, nato a Boretto (Reggio Emilia) il 24-03-1955. Medico, psicoterapeuta, sessuologo, adolescentologo, giornalista pubblicista iscritto all’Ordine. Libero professionista. Ha collaborato per 9 anni al Consultorio Familiare diocesano di Reggio Emilia. Sposato con Patrizia, docente di scuola superiore. Vive a Napoli dal 2015. Ministro della Santa Comunione e Lettore istituito.

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.