21 Ottobre 2021

Quando l’amore sfida il tempo

È vero la vita non si misura con gli anni ma quando un amore diventa ancora più forte dopo 80 anni vale la pena ringraziare il Signore per il tempo che ha donato. È la meravigliosa storia di Amalio e Rosa Schiavo di Ariano Irpino (AV). Si sono sposati quando lui ne aveva sedici e lei diciotto. Una lunga avventura d’amore che ha dato vita ad una numerosa famiglia: 4 figli, Michela, Ettore, Gina e Luisa, 11 nipoti, 13 pronipoti ed un trisnipote.

Nozze di quercia, vengono definite. E non c’è una qualificazione migliore. La quercia è un albero secolare e dall’aspetto maestoso, il suo legno è robusto e duraturo così come lo è stato il loro amore. Intervistati da un giornale locale, Rosa che rispetto al marito è “più in forma” sotto il profilo della salute, dice: “Abbiamo trascorso insieme una vita piena di sacrifici ma di tutto ringraziamo il Signore. Al nostro venticinquesimo anniversario di matrimonio abbiamo ricevuto la benedizione di Paolo VI che teniamo sempre nella camera da letto. Oggi le giornate le trascorriamo a leggere, recitare il Rosario e a farci compagnia in attesa di vedere figli e nipoti”.

Il vescovo Sergio Melillo per l’occasione è andato personalmente a casa dei due dolcissimi sposini, in contrada Arnola ad Ariano Irpino, insieme al parroco don Antonio Surdi per celebrare Messa nella loro casa. Mi è sembrato davvero un bel gesto, molto eloquente. In fondo è proprio la casa il luogo e lo spazio dove gli sposi vivono la liturgia della fede quotidianamente, amandosi pur tra le difficoltà e i sacrifici. Qui Amalio e Rosa insieme alla loro famiglia davanti a quell’altare, stringendo tra le mani un semplice bouquet di fiori bianchi hanno rinnovato il loro patto nuziale.

Si vede dai filmati la loro commozione e anche la loro resistenza ad essere al centro in quella giornata. Persone umili, semplici, dove la fede e la priorità della famiglia non sono mai state messe in discussione neanche nei momenti più dolorosi. Una fotografia che resta scolpita nel mio cuore come segno di speranza in un tempo in cui si inneggia alla fluidità dell’amore, Amalio e Rosa scelgono ancora la roccia, che è Cristo.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.