25 Ottobre 2021

Sandra Sabattini: davanti a Dio come mendicanti

“Io penso che la purezza del cuore debba essere preceduta dalla povertà di spirito, sento fondamentale in me questa esigenza di essere libera da me stessa per essere disponibile solo a Te”. È Sandra Sabattini, la prima fidanzata agli onori degli altari, a scrivere questo pensiero nel gennaio del 1984. Morirà il 2 maggio dello stesso anno a causa di un incidente stradale mentre si recava a Rimini ad un incontro di preghiera con don Oreste Benzi. Aveva 23 anni ma era pronta a varcare le soglie della vita eterna perché aveva scoperto il segreto della felicità: Dio.

Parlando di lei il suo papà dice: “Sandra era una ragazza come tante ma si portava dentro una grande disponibilità verso tutti. Forse non era merito suo: così l’aveva fatta Dio. E lei si è lasciata prendere, non gli ha fatto resistenza. Viveva questo richiamo di Dio senza platealità. Aveva questa capacità di guardare dentro il mistero della vita”. Parole commoventi di un padre che contempla una figlia che non viveva per se stessa ma per Dio e gli altri.

Cresciuta in una canonica dello zio prete dove si trasferisce con la sua famiglia, Sandra a 12 anni incontra don Oreste Benzi e la comunità “Papa Giovanni XXIII”. Partecipa ad un soggiorno per adolescenti sulle Dolomiti insieme a persone con grave disabilità. Tornerà e dirà alla mamma: «Ci siamo spezzati le ossa, ma quella è gente che io non abbandonerò mai». E infatti comincia ad occuparsi dei poveri, li cerca di casa in casa. Si iscrive alla facoltà di Medicina perché vuole diventare medico missionario in Africa. Nell’agosto del 1979 incontra l’amore si fidanza con Guido. Vive con lui un’esperienza molto bella di un amore casto e ricco di tenerezza.

Gesù è il fondamento della sua esistenza: l’adorazione eucaristica, la Messa, la contemplazione della Parola sono l’anima del suo impegno con i poveri. Parlando della sua amata, Guido dice: “Sentiva che non bastava una vita da buoni cristiani, fatta di morale, di equilibrio e di scelte coerenti. Il Signore è il Dio della nostra vita e solo il sentirsi completamente in Lui le dava pace e gioia”. Al suo Guido Sandra ha scritto un giorno: “Dobbiamo stare ogni giorno davanti a Dio, a mani vuote come mendicanti”. È tutto qui il segreto della sua felicità. Sono certa che la sua beatificazione porterà molti frutti nella Chiesa.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.