29 Novembre 2021

Alla ricerca del significato dell’amore

Amore è una parola usata e abusata ma non per questo vale la pena rinunciare a comprenderne il suo pieno significato. Più parlo con le persone che incontro, più mi scontro con i fallimenti di matrimoni infelici, delusioni di giovani disorientati, preoccupazioni di genitori impauriti, più mi convinco che abbiamo il dovere di cercare il significato profondo dell’amore e di darne una definizione capace di infiammare i nostri cuori. 

Poiché ciò che interessano di più sono le tresche che avvengono nella casa del Grande fratello o nella vita degli influencer che ormai vivono con una telecamera puntata addosso ogni giorno, io vorrei proporre modelli meno famosi ma carichi di straordinaria tenerezza. Quando ero più giovane confesso che non riuscivo a capire le parole di san Francesco di Assisi che piangeva perché “l’Amore non è amato”. Il vigore e l’intraprendenza di quegli anni mi facevano apparire sdolcinata come espressione. Oggi con la maturità degli anni ho compreso le sue parole. La fede non è un atto intellettuale, è un incontro, un’esperienza che ti cambia la vita. Abbiamo il dovere di mostrare questa fede, questo amore, questa capacità di interessarci dell’uomo integralmente, del suo cuore, del suo corpo, della sua anima. E per farlo abbiamo bisogno di presentare testimonianze credibili.

Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi sono la prima coppia dei tempi moderni che la Chiesa ha beatificato nel 2001. Si conobbero nel 1901 perché le famiglie si frequentavano e durante questi incontri parlavano molto confrontandosi su diverse questioni. Vediamo come hanno vissuto il tempo del fidanzamento e dell’amore. Partivano da posizioni diverse: Maria, come spesso lo sono le donne, era molto più gioiosa e incline a puntare verso il cielo. Aveva una fede forte e radicata che manifestava con vivacità e convinzione. A Luigi, molto preso dalle questioni che riguardavano pratiche, leggi e tribunali, piaceva conversare con quella ragazza così vera e sincera e fiera delle sue convinzioni. Accadde che dopo un tempo faticoso di divergenze familiari, Luigi si ammalò di una grave forma di gastroduodenite e i medici ormai nutrivano poche speranze di salvarlo. Quando sembrava che il ragazzo stesse reagendo bene alle cure, si sviluppò una peritonite che apparve come il colpo di grazia e invece, saldò l’ulcerazione gastroduodenale sì che Luigi poté avviarsi lentissimamente verso la guarigione. I genitori di Maria si interessarono molto alla salute di questo giovane e Maria soffrì molto per il timore che Luigi morisse.

Questa sofferenza la spinse a cercare nella preghiera un aiuto e un sostegno e quando si accorse di aver ottenuto la grazia che chiedeva, si rende conto che la gioia per la guarigione di Luigi sarà più grande di quanto lei stessa avrebbe creduto. Ebbe inizio così uno scambio di lettere. Maria invia a Luigi un’immagine della Madonna di Pompei con queste parole: “Questa è l’immagine davanti alla quale ho tanto pregato e supplicato per la sua salute. La baci ogni sera e ogni mattina e la tenga sempre con sé. Il Signore e questa Beata Vergine benedicano Lei e i Suoi”. Questa immaginetta, accuratamente protetta da una busta, fu conservata da Luigi, nel suo portafoglio, per 47 anni, fino alla morte.

Il 15 marzo 1905 i due si svelarono i reciproci sentimenti e il 31 ebbe luogo il fidanzamento ufficiale. Nei mesi che seguirono ci fu una notevole corrispondenza tra i due. Ecco cosa scrive Luigi il 29 luglio del 1905: “…Tu sei stata la fata mia benefica, che mi ha salvato l’anima dallo scetticismo ed io t’ho fatto in cambio la mia Madonna che venero e che adoro. Amami sempre così, Maria, e tu troverai sempre nel mio affetto e nella mia devozione ogni maggior conforto che l’amore di un uomo possa dare, poiché tutta la mia vita io l’ho dedicata, consacrata a te. Sento che dall’amore tuo io sarò sempre più spinto alla bontà e all’operosità, poiché in quell’amore io troverò sempre il più nobile e il più prezioso compenso ad ogni mio sforzo. Il mio sogno è quello di una vita di lavoro e di amore: affaticarmi nel lavoro, riposarmi nelle gioie dell’amore nostro e della nostra famiglia, questa l’alterna vicenda della vita che io vagheggio, attingendo nell’affetto tuo la forza e il coraggio per sopportare ogni dolore e superare ogni avversità. La realizzazione di questo sogno dipende da te”. Pochi mesi più tardi, il 25 novembre del 1905, dopo appena otto mesi di fidanzamento, Luigi e Maria celebravano a Roma il loro matrimonio dando inizio ad un’avventura che li porterà alle alte vette della santità. Mi sembra un bellissimo esempio di amore…altro che Grande Fratello.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.