1 Dicembre 2021

Le parole che ho detto solo a te

Amo chi sceglie con cura le parole da dire e soprattutto quelle da non dire. Chi utilizza non un linguaggio ricercato da intellettuale di turno ma un linguaggio fatto di tenerezza e di carezze. Santa Teresa d’Avila scriveva che: “Le parole conducono ai fatti, […] Preparano l’anima, la rendono pronta e la commuovono fino alla tenerezza”.


C’è un invito a coniugare parole e gesti concreti ma in questo pensiero c’è anche qualcosa di più profondo: l’anima, la commozione, la tenerezza. Termini desueti che sembrano appartenere ad un’altra epoca e ad un altro modo di vivere. Chi parla più dell’anima? Di questo sacrario dove si custodisce il calco del dito di Dio? Siamo tutti e solo concentrati sulle emozioni, sul corpo, sul piacere o il dolore che esso ci dà.

Chi parla più di commozione, di tenerezza come i moti dell’animo umano? Generati nelle profonde viscere del nostro cuore. Ieri sera a Messa contemplavo la bellissima statua della Vergine Immacolata nella Basilica di Sant’Alfonso Maria de ‘Liguori a Pagani e pensavo alle poche e sublimi parole di Maria che il Vangelo ci riporta ma ancora di più a quelle che non dice, che non sono riportate, che il mistero custodisce.

Ci sono parole che non possiamo comunicare a tutti, che non possiamo pubblicare in un post sui social. Parole che è bene restino avvolte dalla luce dell’intimità e dell’esclusività. Le parole alla persona che amo, quelle ad un figlio, tra due amici che cercano il bene l’uno dell’altro… Sono queste quelle che definiscono la grandezza di un uomo e di una donna. In questo giorno generiamo parole di vita che nutrono l’anima di chi incontreremo, che siano rivestite dell’abito della tenerezza, che siano accompagnate da un sorriso carico di dolcezza.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.