2 Dicembre 2021

Non dobbiamo lasciar indietro nessuno

Quando Gabriele è giunto all’Oasi Maria Madre della Vita, una casa a conduzione familiare in provincia di Salerno aveva due anni ma sembrava avesse solo pochi mesi. Non si reggeva in piedi, aveva uno sguardo assente, raggomitolato tra le braccia della sua mamma per vocazione sembrava destinato a vivere come un vegetale. E invece Gabriele dopo tre anni parlava in modo fluido, vedeva molto di più delle aspettative e con l’aiuto di tutori si reggeva in piedi e riusciva a stare anche a tavola insieme agli altri. Certo era perennemente raffreddato, i suoi polmoni poco sviluppati si facevano sentire e i ricoveri in ospedale erano incalcolabili.

Eppure questo scricciolo d’uomo è quanto di più bello si possa ammirare, affettuoso, intelligente. Quando ero insieme a lui, in un batter d’occhio tutte le preoccupazioni si volatilizzavano. Gabriele è un piccolo mago della felicità. È l’amore che ha operato questo piccolo miracolo, l’amore di una famiglia che non solo si è preso cura di lui ma l’ha stimolato, accolto con tutte le sue imperfezioni e ha saputo guardare in quel bambino che agli occhi del mondo è solo un “povero disabile”, un tesoro prezioso. Oggi Gabriele è felice e sereno con la sua famiglia adottiva.

La disabilità è nei nostri occhi, negli occhi di chi crede di avere tutto al posto giusto. È nella nostra incapacità di accogliere e amare la diversità e la ricchezza di cui questi fratelli sono portatori. Dovremmo trascorrere del tempo insieme a loro, condividere la loro forza, la voglia di vivere e il ringraziamento per i piccoli successi, per capire quale grande dono è la vita. Don Oreste Benzi, ha sognato la Chiesa come un popolo che non lascia indietro nessuno. Lui lo ha fatto, ha cercato e accolto poveri, prostitute, bambini con handicap, bambini down e ha donato loro l’amore e il calore di una famiglia. Ha mostrato al mondo quanta bellezza c’è nei loro limiti e nelle loro fragilità. Questi fratelli non solo “servono” ma sono una vera e propria ricchezza per una società triste e ripiegata su se stessa, che ha deciso di dare alla violenza un posto di onore e all’handicap nessuno spazio.

Tutti dobbiamo sentirci interpellati: lo Stato perché sostenga e aiuti le famiglie ad accogliere la disabilità e a sostenerla attraverso idonee misure economiche, la Chiesa perché promuova una pastorale della bellezza e dell’accompagnamento delle persone con disabilità, le case-famiglia che accolgono e donano calore a quanti vengono lasciati negli istituti perché affetti da gravi patologie. Lo facciamo ripensando al grande Jerome Lejeune, e ai “suoi piccoli bambini affetti da sindrome di Down” per i quali ha dato la vita. 


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.