“Attraverso l’angelo Cometino voglio dire al mondo che senza Gesù Cristo non esiste il Natale”

Cometino

Da Editrice Punto Famiglia una favola stupenda per i più piccoli “L’angelo Cometino e la luce del Natale”. Giovanna Abbagnara, autrice del libro: “Il fantasy oggi è spesso strumentalizzato e usato per far passare qualsiasi tipo di ideologia. Ma io ho scelto di puntare a questo genere letterario per raggiungere i bambini e riempire il loro cuore di quella bellezza autentica intrisa di spiritualità e amore”.

Dalla penna di Giovanna Abbagnara, giornalista e scrittrice, nasce “L’angelo Cometino e la luce del Natale”, una favola pensata per comunicare il senso autentico di questo evento attraverso l’avventura dell’angelo Ohr a cui è affidata la missione di annunciare la nascita del Salvatore.

Solo 32 pagine accompagnate da una grafica colorata e fresca in cui si dipana la storia di questo angioletto nato con una coda lunga e appuntita. Un personaggio destinato ad entrare nell’immaginario dell’infanzia legato al misterioso e affascinate mondo del Natale. La trama è cesellata di numerosi riferimenti biblici pensati per avvicinare i bimbi al Libro dei libri, la Bibbia, l’unico di cui forse oggi si parla veramente poco. 

Un’idea preziosa anche per insegnanti, sacerdoti e catechisti dato che è possibile lasciarsi ispirare da Cometino per comporre lavoretti o ideare laboratori.  

Non c’è tempo nella storia in cui non siano state raccontate delle fiabe ai più piccoli. Il mondo delle favole è lo spazio privilegiato in cui si muovono. Il Natale soprattutto, essendo la festa di un Bambino, sembra essere proprio il tempo propizio per trasportarli nel mondo incantato della notte di Betlemme. 

Leggi anche: L’angelo Cometino e la luce del Natale

“Quante generazioni di piccoli uomini e donne sono cresciute ascoltando i racconti della nonna accanto ad un camino già adorno di vecchie calze e di fronte alla suggestiva immagine del presepe! – così commenta Giovanna Abbagnara, autrice del racconto –. Il fantasy oggi è spesso strumentalizzato e usato per far passare qualsiasi tipo di ideologia. Ma io ho scelto di puntare a questo genere letterario per raggiungere i bambini e riempire il loro cuore di quella bellezza autentica intrisa di spiritualità e amore”.

“Ho la fortuna di osservare il mondo dei più piccoli attraverso gli occhi, il cuore e la mente dei miei nipotini. Sono innamorata del modo in cui giocano, disarmata dalla semplicità con cui si relazionano alle cose anche a quelle più difficili. Loro ci insegnano come annunciare il Vangelo, ci restituiscono l’ingenuità e l’innocenza ed è proprio per questo che ho scelto di affidare ad un angioletto il compito di farsi annunciatore di questa meraviglia che è la nascita del piccolo Gesù”.

“In un mondo in cui sembra quasi che si voglia scristianizzare il Natale, io invece voglio ricordare che senza Gesù Cristo, non esiste il Natale”.

 




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



ANNUNCIO



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.