6 Gennaio 2022

L’Epifania degli sposi

Mia nonna per l’Epifania cucinava a pranzo la “pastiera di maccheroni” che qui in Campania si usa fare anche per la Pasqua: praticamente una torta di pasta, piena di uova, formaggio e pepe. Ed io le chiedevo da piccola il perché e lei mi rispondeva che “l’Epifania è la prima pasqua”. Mia nonna era sapiente e se come dice il Siracide: “Se vedi una persona saggia, va’ di buon mattino da lei; il tuo piede logori i gradini della sua porta”, abbiamo il dovere di raccogliere questa saggezza e comprenderla. Da piccola mi sembrava solo un gesto antico dal sapore familiare che ancora oggi la mia mamma replica, con la maturità degli anni comprendo sempre di più la profondità dei segni.

Questo è il giorno della luce, Dio fuga le tenebre del nostro peccato e mostra a tutti il Salvatore del mondo, quella luce che nella Veglia pasquale verrà per tre volte annunciata: Lumen ChristiCristo, luce del mondo. È la stessa luce. È lo stesso Bambino – Dio – Uomo. Quanto abbiamo bisogno di questa luce, quanto ci è necessaria. Senza Gesù noi vaghiamo nelle tenebre, ricerchiamo affetti e sentimenti che non hanno la forza di sfidare il tempo. Pensiamo di vedere ma siamo accecati da noi stessi, dai nostri progetti, dai nostri bisogni. Pensiamo di avere tutto ma ci manca il Tutto. A Lui dobbiamo chiedere la luce.

E dobbiamo farlo come sposi in modo particolare. I Magi entrano in una casa e si prostrano davanti a Gesù Bambino per adorarlo. Mi piace vedere in questi Magi gli sposi che piegano le loro ginocchia davanti a Gesù e lo riconoscono come la stella che guida il loro cammino. Mi piace pensare che al Bambino gli sposi offrono i loro doni più belli: l’amore reciproco, i talenti, i figli. E poi c’è la Madre… nessun matrimonio è felice senza la sua presenza materna e discreta. Il Vangelo dell’Epifania non lo nomina ma certamente c’era anche Giuseppe, custode silenzioso e fedele di quel mistero di salvezza che troverà compimento nella risurrezione.

Che bello pensare che in quanto sposi siamo anche noi inseriti in questo mistero di salvezza. Lasciamoci illuminare dalla luce quella vera senza paura e a diventare luce per gli altri. A partire dal proprio coniuge, i figli, le persone a noi affidate. Come nella notte di Pasqua dal grande Cero tuti insieme accendiamo le nostre candele così da questa Epifania impegniamoci a vivere una vita luminosa e feconda.  


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.