8 Gennaio 2022

Padrini e madrine: per me la strada non è eliminarli

Anche la diocesi siciliana di Mazara del Vallo si aggiunge all’elenco delle diocesi italiane che hanno stabilito la sospensione della presenza dei padrini e delle madrine nella celebrazione del sacramento del Battesimo dei bambini, della Confermazione e dell’iniziazione cristiana degli adulti. Il decreto, in vigore dal 1° gennaio scorso ad experimentum fino al 2024, ricalca quelli adottati da altre diocesi italiane e stabilisce che “ad accompagnare davanti al presbiterio chi deve ricevere il Battesimo o la Cresima saranno i genitori o chi ne ha curato la preparazione religiosa”. “L’ufficio di padrino – afferma il vescovo Mons. Domenico Mogavero – ha perduto il suo significato originario limitandosi a una presenza liturgica puramente formale”. Dello stesso parere anche altri prelati intervistati nei mesi scorsi.

Comprendo le motivazioni che hanno spinto a questa scelta. I motivi per cui si scelgono i padrini o le madrine spesso sono davvero ispirati a sentimenti e ragioni che poco hanno a che vedere con la fede e la definizione che il Codice di diritto canonico offre di questo ministero e cioè nel caso del Battesimo “assistere il battezzando adulto nell’iniziazione cristiana, e presentare al battesimo con i genitori il battezzando bambino e parimenti cooperare affinché il battezzato conduca una vita cristiana conforme al battesimo e adempia fedelmente gli obblighi ad esso inerenti”. Le scelte sono di natura affettiva, o convenzionale o addirittura per trarre un profitto economico. A volte i parroci si ritrovano a fare delle vere e proprie battaglie per spiegare che i divorziati risposati o i conviventi non possono ricoprire questo ruolo etc…

Non mi convince tuttavia la via dell’abolizione nella speranza che si risvegli il senso profondo e il significato di questo ministero. La gente finirà per abituarsi presto e dopo un momento di smarrimento iniziale accetterà la regola dall’alto. Non sarebbe stato più opportuno dedicare energie per poter introdurre nel cammino di iniziazione incontri specifici prima per orientare alla scelta gli iniziandi e poi per coinvolgere gli stessi padrini o madrine nel cammino di preparazione? È molto bello che due genitori siano accompagnati da una presenza che li aiuterà nell’educazione alla fede così come è significativo per un cresimando sapere di poter contare sul padrino o la madrina o meglio su una coppia di fidanzati o di sposi.

Parlo dalla mia piccola esperienza con i miei dieci “figliocci e figliocce”. Avrebbero certamente molto da obiettare sulle mie mancanze e sui miei limiti. Ci ho provato e ci provo ad accompagnarli. Ogni giorno elenco i loro nomi nel Rosario, li voglio bene tutti come un dono prezioso. Occuparmi di loro mi ha fatto crescere molto, mi ha aiutato a decentrarmi, ad esercitare una maternità che nasce dalla fede. So che il Signore mi chiederà conto anche di loro un giorno… I padrini o le madrine non sono certo supereroi. Sono chiamati anche in virtù proprio del ministero a cui sono stati reclutati a sforzarsi di vivere una vita evangelica.

Togliere questa possibilità rende più poveri e più soli. Io sono più per una comunità che si sforza di educare più che essenzializzare i gesti liturgici per paura che siano formali. Dobbiamo imparare a trasformare anche le cose che non vanno in opportunità di evangelizzazione. Metterei sì delle condizioni ma senza eliminare. Una comunità che si comporta come una madre fa con i difetti dei figli. Con amore. 


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.