Per gli adolescenti soli una rete di parentela sociale

solitudine

Si terrà il 27 gennaio un Convegno promosso dalla Federazione Progetto Famiglia, d’intesa con il Dipartimento per le Politiche Familiari della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Marco Giordano, presidente di Progetto Famiglia: “Ogni ragazzo deve trovarsi circondato da persone disposte ad aiutarlo, una specie di parentela sociale dove quella biologica si rivela troppo fragile. Questo è l’obiettivo del Convegno”.

Si terrà il 27 gennaio, dalle ore 9.30 alle 13.30, il Convegno Nazionale “Bond Builgin For Teens – Urgenze e buone prassi di affiancamento familiare degli adolescenti accolti nei servizi residenziali”. L’evento di presentazione del Progetto Sperimentale “Bond Building For Teens”, è promosso dalla Federazione Progetto Famiglia, d’intesa con il Dipartimento per le Politiche Familiari della Presidenza del Consiglio dei Ministri

Interverranno: Marco Giordano, presidente nazionale Federazione Progetto Famiglia; Tiziana Zannini, direttore generale Ufficio “Politiche per la Famiglia” del Dipartimento Famiglia della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Gemma Tuccillo, capo Dipartimento per la Giustizia Minorile e di Comunità del Ministero della Giustizia (messaggio); Adriana Ciampa, dirigente Divisione “Politiche per l’Infanzia e l’Adolescenza” del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali; Gianmario Gazzi, presidente CNOAS – Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti sociali; Marco Rossi Doria, presidente Con i Bambini (videomessaggio); Cristina Maggia, presidente AIMMF – Ass. Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la famiglia; Chiara Labanti e Manuela Merlatti, referenti CNSA – Coord. Nazionale Servizio Affidi; Federico Zullo, presidente nazionale Ass. Agevolando. Liviana Marelli, referente nazionale area minori del CNCA – Coord. Nazionale Comunità Accoglienza; Giovanni Tagliaferri, segretario nazionale del CNCM – Coord. Nazionale Comunità per Minori.

Leggi anche: La sofferenza dei bambini? Non basta versare lacrime…

“Con questo convegno vogliamo innanzitutto indurre le istituzioni e le organizzazioni di terzo settore su un’area di bisogno importante nel panorama italiano, – commenta Marco Giordano, presidente di Progetto Famiglia – e cioè sulla solitudine di molti adolescenti. Mi riferisco soprattutto a quanti non possono stare con le loro famiglie date alcune problematiche importanti e che terminata l’accoglienza nelle comunità educative si troveranno da soli a dover fronteggiare le sfide della vita. Per questi ragazzi il Convegno punta a favorire lo sviluppo e la promozione di Reti di relazioni significativi tra gli adulti del territorio. Ogni ragazzo deve trovarsi circondato da persone disposte ad aiutarlo, una specie di parentela sociale dove quella biologica si rivela troppo fragile”. 

“Il Convegno fa il punto della situazione di un progetto che si sta sviluppando in particolare nel Sud-Italia. Vogliamo far partire ottanta affiancamenti elaborando così un modello che speriamo possa essere replicato in varie altre regioni. Al momento si sono iscritti circa 1.300 operatori sociali in tutta Italia e così abbiamo raggiunto la capienza massima della piattaforma. Le persone interessate potranno seguire il Convegno attraverso i canali social”. 

Per partecipare sarà necessario iscriversi nel seguente modo: 

con riconoscimento crediti: piattaforma Zoom, previa iscrizione (entro il 25 gennaio 2022) tramite il link www.progettofamigliaformazione.it/convegno-bb4t.

 – senza riconoscimento crediti: sui canali social del Centro Studi Progetto Famiglia (www.progettofamigliaformazione.it)

Segreteria Convegno: tutor.formazione@progettofamiglia.org – 380.749.35.97Scarica la locandina con il programma del Convegno: https://bit.ly/3nmXW6L




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO