BRICIOLE DI VANGELO

26 Gennaio 2022

Al servizio di Dio

Dal Vangelo secondo Luca (Lc 10,1-9)
In quel tempo, il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due davanti a sé in ogni città e luogo dove stava per recarsi. Diceva loro: «La messe è abbondante, ma sono pochi gli operai! Pregate dunque il signore della messe, perché mandi operai nella sua messe! Andate: ecco, vi mando come agnelli in mezzo a lupi; non portate borsa, né sacca, né sandali e non fermatevi a salutare nessuno lungo la strada. In qualunque casa entriate, prima dite: “Pace a questa casa!”. Se vi sarà un figlio della pace, la vostra pace scenderà su di lui, altrimenti ritornerà su di voi. Restate in quella casa, mangiando e bevendo di quello che hanno, perché chi lavora ha diritto alla sua ricompensa. Non passate da una casa all’altra. Quando entrerete in una città e vi accoglieranno, mangiate quello che vi sarà offerto, guarite i malati che vi si trovano, e dite loro: “È vicino a voi il regno di Dio”».

Il commento

Il Signore designò altri settantadue e li inviò a due a due” (10,1). È Gesù che sceglie e manda. Il verbo greco [anadeíknumi] deriva da una radice [deíknumi] che significa mostrare o mettere in evidenza. Abbiamo motivo di pensare ad un incarico prestigioso. In effetti, Gesù li manda “in ogni città e luogo dove stava per recarsi” (10,1). Nella luce della fede non c’è niente di più importante ma ad uno sguardo umano, il compito che Gesù affida ai discepoli non solo non ha nessuna rilevanza pubblica ma appare di scarso valore in rapporto ai criteri mondani. Il suo valore appare chiaro solo se lo vediamo nella luce di Dio e in relazione all’opera salvifica che Lui vuole realizzare. Sono due modi radicalmente alternativi di progettare la vita, è necessario perciò scegliere con chiarezza chi vogliamo servire. Ci sono quelli che desiderano riempire la vita di riconoscimenti e quelli che si preoccupano anzitutto di comprendere e compiere perfettamente la vocazione che Dio ha consegnato a ciascuno. Ci sono quelli che fanno del successo professionale la regola alla quale subordinare ogni altra cosa e quelli che fanno dell’obbedienza a Dio il principio di ogni altra scelta. Il Vangelo ci assicura che se scegliamo di incamminarci nei sentieri di Dio non ci mancheranno la luce e le risorse necessarie per compiere la missione.

Nelle pagine del Vangelo, Gesù appare sempre come il Maestro che parla e agisce con autorità. nelle pagine della vita quotidiana purtroppo questa verità non sempre emerge in tutta la sua forza, anzi non raramente viene sconfessata in modo plateale. Non solo Dio non risplende come il Signore della vita ma ci sono circostanze in cui volutamente lo mettiamo da parte e facciamo quello che a noi sembra più opportuno. Un santo del nostro tempo esortava così i suoi figli spirituali: “Che la tua vita non sia sterile. Sii utile. Lascia traccia. Illumina con la fiamma della tua fede e del tuo amore […] E incendia tutti i cammini della terra con il fuoco di Cristo che porti nel cuore” (san Josemaria Escrivà, Cammino, 1). Mettiamoci anche noi al servizio di Dio.



Briciole di Vangelo

di don Silvio Longobardi

s.longobardi@puntofamiglia.net

“Tutti da Te aspettano che tu dia loro il cibo in tempo opportuno”, dice il salmista. Il buon Dio non fa mancare il pane ai suoi figli. La Parola accompagna e sostiene il cammino della Chiesa, dona luce e forza a coloro che cercano la verità, indica la via della fedeltà. Ogni giorno risuona questa Parola. Ho voluto raccogliere qualche briciola di questo banchetto che rallegra il cuore per condividere con i fratelli la gioia della fede e la speranza del Vangelo.


Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Silvio Longobardi

Silvio Longobardi, presbitero della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, è l’ispiratore del movimento ecclesiale Fraternità di Emmaus. Esperto di pastorale familiare, da più di trent’anni accompagna coppie di sposi a vivere in pienezza la loro vocazione. Autore di numerose pubblicazioni di spiritualità coniugale, cura per il magazine Punto Famiglia la rubrica “Corrispondenza familiare”.

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.