Il West Virginia vieta l’aborto dei bambini con Sindrome di Down, una volta tanto una buona notizia

Feto

Vietato abortire bambini con Trisomia 21: non è un sogno. È la realtà e accade negli Stati Uniti, precisamente nel West Virginia.

Non è la prima volta che, con estremo piacere, segnaliamo l’apertura di alcuni Stati d’America alla vita attraverso l’applicazione di norme che limitano o, in taluni casi, vietano l’aborto. È stato così per il Texas la patria di Abby Jhonson protagonista del film Unplanned, a cui si sono progressivamente aggiunti Alabama e Mississipi. Questa volta è il turno del West Virginia dove è stata approvata una misura a favore della vita. In particolare questo disegno di legge vieterebbe di praticare l’aborto sui bambini con Sindrome di Down, ma non è rivolta solo ai piccoli affetti da Trisomia 21.

Il testo della legge intende, infatti, proteggere i bambini non ancora nati a cui è stata diagnosticata una disabilità e richiede ai medici di fornire materiale educativo e informazioni sui sistemi di supporto disponibili per le famiglie che crescono bambini diversamente abili.

Leggi anche: La difesa della vita nascente? Una scelta ragionevole. Se ne sono accorti anche in America…

La notizia ci rallegra profondamente dato che ci sono zone nel mondo in cui i bambini con Sindrome di Down sembravano una specie in via di estinzione. Il Nord Europa, Svizzera ma anche Spagna e Francia dove gli aborti a causa della Trisomia 21, nel 2021, hanno raggiunto il picco del 96 per cento.

E ci rallegra ancora di più sapere che uno strumento prezioso come la diagnosi prenatale non presti il fianco alle interruzioni di gravidanza, ma diventi un mezzo di solidarietà sociale e di valorizzazione della vita in qualsiasi forma si presenti. Sono decisamente queste le notizie che vorremmo dare ogni giorno.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Ida Giangrande

Ida Giangrande, 1979, è nata a Palestrina (RM) e attualmente vive a Napoli. Sposata e madre di due figlie, è laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli, Federico II. Ha iniziato a scrivere per il giornale locale del paese in cui vive e attualmente collabora con la rivista Punto Famiglia. Appassionata di storia, letteratura e teatro, è specializzata in Studi Italianistici e Glottodidattici. Ha pubblicato il romanzo Sangue indiano (Edizioni Il Filo, 2010) e Ti ho visto nel buio (Editrice Punto famiglia, 2014).

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.