Il silenzio, un tesoro da riconquistare

2 Aprile 2022

preghiera

Al di là dei più complessi (e necessari!) ragionamenti, esiste una terra di nessuno dell’anima in cui il Signore è pronto a entrare se solo gli lasciamo spazio. E Lui in cambio ci lascia una pace in grado di cambiare lo sguardo (nostro e altrui) e, attraverso lo sguardo, anche la realtà che ci circonda. È uno spazio fatto di preghiera e, soprattutto, di silenzio.

«Solo il silenzio fa comprendere la parola di san Massimo il Confessore: “L’amore di Dio e l’amore degli uomini sono due aspetti di un unico amore totale”. In un immenso sospiro il silenzio avvolge la terra di pace: “Tutto è tuo, Signore; io sono tuo, accoglimi”. A chi pone l’alternativa tra contemplazione e vita attiva san Serafino di Sarov ha risposto: “Trova la pace interiore ed il silenzio, e una moltitudine di uomini troverà salvezza in te”. Dio ha creato gli angeli “in silenzio”, dicono i Padri. Dio guida i silenziosi, mentre quanti si agitano fanno ridere gli angeli».

Sono parole tratte da L’amore folle di Dio, un gran libro del pensatore russo – maestro di teologia e spiritualità ortodossa – Pavel Evdokimov, nato a San Pietroburgo nel 1901 e morto nel 1970 a Parigi, dove lo aveva condotto la diaspora successiva alla Rivoluzione d’Ottobre del 1917. 

Personaggio profondo e simpatico, durante l’ultima guerra collaborò con la Resistenza e si prodigò per sottrarre diversi ebrei alla furia nazista e, nello stesso tempo, fu sempre in prima linea nel favorire affettuosi rapporti ecumenici con i fratelli delle altre confessioni cristiane, in particolare la cattolica: fu osservatore al Concilio Vaticano II e ammiratore di papa Giovanni XXIII.

Dei suoi libri, disponibili in buona parte presso le Edizioni Paoline, abbiamo già un’altra volta ricordato Teologia della bellezza, uno stupefacente percorso attraverso l’arte che dà ragione del valore unificante ed efficace delle icone: non solo “quadri” ma occasioni di preghiera verso l’ “unum necessarium” evangelico. 

Leggi anche: “Per lei e per il suo bambino”: omaggio a Paola Bonzi

Ne L’amore folle di Dio, invece, si tratta dell’amore totale e persino irragionevole di Dio per ciascuno di noi, tanto da far dire all’autore parole consolantissime come queste: «Per quanto profondo sia l’inferno in cui gli uomini scoprono di stare, ancora più nel profondo si trova il Cristo che attende». 

Ma il cuore del libro è nel silenzio così suggestivamente citato nello stralcio fornito in apertura. Al di là dei più complessi (e necessari!) ragionamenti, esiste una terra di nessuno dell’anima in cui il Signore è pronto a entrare se solo gli lasciamo spazio. E Lui in cambio ci lascia una pace in grado di cambiare lo sguardo (nostro e altrui) e, attraverso lo sguardo, anche la realtà che ci circonda.

Del resto è esperienza comune che i veri uomini di preghiera siano alla fine rispettati da tutti, perché con il loro silenzio trasmettono – quasi per contagio – un sentimento di pace e verità, a differenza dei tanti “agitati” che si illudono di cambiare il mondo solo con le loro opere, finendo però – dice Evdokimov – per fare ridere gli angeli. 

C’è un’occasione preziosa per concentrarci in silenzio su Dio: l’Adorazione eucaristica. La scoprii, in giro in autostop per l’Europa, a Parigi nel santuario del Sacro Cuore di Montmartre: c’erano un sacco di hippies (anch’io a veder bene…), ma quella particola nel silenzio di quella chiesa brutta ma affascinante, mi colpì come una rasoiata spirituale. 

E la cicatrice è rimasta…




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Gianni Mussini

Gianni Mussini, quinto di otto figli, è nato a Vigevano nel 1951. Laureato a Pavia, alunno dell’Almo Collegio Borromeo fondato da san Carlo (e citato da Manzoni nei Promessi sposi). Docente di Lettere (da ultimo al Liceo classico “Ugo Foscolo”), ha anche insegnato per 12 anni alla Scuola interuniversitaria lombarda per la formazione degli insegnanti. Autore di due libri di poesia (tra cui Rime cristiane eccellentemente recensito dal Corriere della sera e da Avvenire) e di molti studi ed edizioni specialmente sul poeta Clemente Rebora, ma anche su altri autori (tra cui Jacopone da Todi, Cesare Angelini, Manzoni), per Garzanti, Scheiwiller, Piemme, De Agostini, Storia e Letteratura. Ha collaborato a testi scolastici (La Scuola, Le Monnier, De Agostini) e raccolto in volume testimonianze di Vite salvate (Interlinea, Novara, con prefazione di Claudio Magris), ora moltiplicate nel volume Donne in cerca di guai, uscito nel 2018. Per 8 anni è stato presidente dei Centri di aiuto alla vita della Lombardia e per 12 vicepresidente nazionale del Movimento per la vita. Dal 2005 al 2012 ha invece presieduto il Consultorio familiare onlus di Pavia (dedicato al servo di Dio Giancarlo Bertolotti), del quale è stato fondatore. Ha organizzato diversi convegni, nazionali e internazionali, sui temi della vita e della famiglia, e anche corsi di aggiornamento, anche letterari, rivolti a insegnanti. Per 17 anni ha infine organizzato il Festival nazionale “Cantiamo la vita”, con la partecipazione di ospiti di fama internazionale. Last not least. È sposato con Maria Pia, e con cui ha generato Cecilia, Giacomo e Lorenza.




ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.