12 Maggio 2022

In pellegrinaggio a Lourdes su un Ape Porter e con tanta fede

Sono partiti il 6 maggio da Pistoia e sono arrivati Lourdes il 9 maggio. 350 e più chilometri al giorno, percorsi a bordo di un Ape Porter a quaranta chilometri orari, undici ore di guida, soste escluse, evitando l’autostrada.

Sulla loro Ape un carico preziosissimo: un cero artigianale alto due metri e di due quintali di peso, appositamente realizzato a marzo per la pace nel mondo. Protagonisti di questo pellegrinaggio di amore l’82enne Sauro Innocenti (che ha creato il cero) e sua moglie Carla Bianchini, 78, di Chiesina Uzzanese, in provincia di Pistoia, presepisti dell’Associazione Terre dei Presepi. “Un pellegrinaggio che volevamo fare a piedi ma alla fine eccoci qui: 1.248 chilometri con ape cargo corrispondono a 12.480 fatti in auto”, il primo commento della coppia una volta arrivata nella terra di Maria.

Il cero era stato acceso il 9 aprile a Cerreto Guidi (Firenze), in occasione della Marcia per la pace nel mondo organizzata dall’Associazione Nazionali e Città dei Presepi, con il lume della pace prelevato dal santuario di La Verna dove San Francesco aveva ricevuto le stimmate. E un mese dopo, nella giornata del 10 maggio, è stato nuovamente acceso, ma stavolta davanti alla Grotta delle apparizioni per essere offerto alla Madonna di Lourdes affinché cessino le guerre e nel mondo torni la pace.

Alla vigilia del viaggio, il vescovo di Pescia mons. Roberto Filippini si era recato personalmente presso l’abitazione dei due pellegrini per benedire i coniugi, l’Ape e il maxi cero. La fede di questi due sposi è davvero commovente. Semplici come solo i puri di cuore sanno di esserlo, audaci come chi riconosce in Dio tutta la sua ricchezza, fiduciosi come chi riconosce in Maria il rifugio sicuro e la Madre per eccellenza.

Un monito per quanto ancora stretti nella morsa della pandemia preferiscono fare a meno di Dio, una testimonianza per quanti pigri e senza grandi slanci si accontentano di vivere svogliatamente qualche precetto. È bello conservare una fede così vivace. Allarga il cuore, dilata gli orizzonti.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.