13 Maggio 2022

Maria e la sofferenza: gli amori di Giovanni Paolo II

Sono trascorsi 41 anni dall’attentato a Giovanni Paolo II in piazza san Pietro. Tante cose sono ancora inspiegabili ma la testimonianza del Papa resta come un faro di luce, una sorgente sempre fresca di vita interiore da cui attingere a piene mani per la nostra vita.

Erano le 17.17, papa Giovanni Paolo II attraversava piazza San Pietro per salutare i fedeli durante la tradizionale Udienza generale del mercoledì. La piazza era gremita di gente, quando il killer professionista di origine turca, Mehmet Ali Ağca, che si trovava a soli tre metri di distanza, sferrò tre colpi di pistola contro il Santo Padre. Una delle pallottole passò ad un soffio dall’aorta e non intaccò la colonna vertebrale. Le immagini fecero il giro del mondo. Il Papa si accasciò tra le braccia del suo inseparabile segretario, don Stanislao, la corsa al Gemelli, l’operazione durata cinque ore e mezzo. Il fiato sospeso del mondo intero.

E quella voce che sembrava spenta. Quella voce che qualcuno voleva zittire per sempre e invece cinque giorni dopo, dai microfoni di Radio Vaticana, alle 12 in punto, per la recita della preghiera mariana, quella voce flebile, tremante ma piena di speranza, tornò a farsi sentire: “Carissimi fratelli e sorelle, So che in questi giorni e specialmente in quest’ora del Regina Coeli siete uniti con me. Vi ringrazio commosso per le vostre preghiere e tutti vi benedico. Sono particolarmente vicino alle due persone ferite insieme con me. Prego per il fratello che mi ha colpito, al quale ho sinceramente perdonato. Unito a Cristo, Sacerdote e Vittima, offro le mie sofferenze per la Chiesa e per il mondo. A Te Maria ripeto: “Totus tuus ego sum”.

E poi dopo una settimana, il 24 maggio 1981, sempre dal letto del Policlinico Gemelli, ancora la sua voce: “Quando, all’indomani della mia elezione alla Cattedra di Pietro, venni per una visita al Policlinico Gemelli, dissi di voler “appoggiare il mio ministero papale soprattutto su quelli che soffrono”. La Provvidenza ha disposto che al Policlinico Gemelli ritornassi da malato. Riaffermo ora la medesima convinzione di allora: la sofferenza, accettata in unione con Cristo sofferente, ha una sua efficacia impareggiabile per l’attuazione del disegno divino della salvezza. (…) Invito tutti gli ammalati ad unirsi con me nell’offerta a Cristo dei loro patimenti per il bene della Chiesa e dell’umanità”.

La Vergine Maria e la sofferenza: due dei capisaldi più importanti del suo ministero petrino. Un’eredità preziosa per la Chiesa e per ciascuno di noi. Inizia un nuovo capitolo del suo pontificato a partire da quel 13 maggio. Un capitolo lungo, che durerà 24 anni ma accompagnato da quella ferita nel corpo e dalla dolcezza della Madre di Dio, dalla certezza del suo intervento materno che lo aveva preservato da una morte certa.

Oggi non ricordiamo solo un evento storico né solo un evento prodigioso. Quel giorno, ancora per certi versi così pieno di ombre su chi fosse stato il mandante, chi era la suora che si era aggrappata al braccio dell’attentatore, perché si decise di andare al Gemelli e non all’Ospedale più vicino…e tanti altri particolari interessanti, costituisce un grande monito e invito per la vita interiore. È come se le parole così belle, grandi autorevoli di Giovanni Paolo II, ricevessero dalle ferite del corpo e dell’anima un valore aggiunto. Il Papa diventa lui stesso un Magistero vivente mostrando al mondo la via del perdono, della croce e della fiducia totale nella Vergine Maria. E lasciando a noi una grande eredità su come vivere e affrontare i giorni della sofferenza.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.