Briciole di Vangelo - Tempo di Pasqua

17 Maggio 2022

Quando arriva la tempesta

Dal Vangelo secondo Giovanni (Gv 14,27-31a)
In quel tempo, disse Gesù ai suoi discepoli:

«Vi lascio la pace, vi do la mia pace. Non come la dà il mondo, io la do a voi.

Non sia turbato il vostro cuore e non abbia timore. Avete udito che vi ho detto: “Vado e tornerò da voi”. Se mi amaste, vi rallegrereste che io vado al Padre, perché il Padre è più grande di me. Ve l’ho detto ora, prima che avvenga, perché, quando avverrà, voi crediate.

Non parlerò più a lungo con voi, perché viene il prìncipe del mondo; contro di me non può nulla, ma bisogna che il mondo sappia che io amo il Padre, e come il Padre mi ha comandato, così io agisco».

Il commento

Viene il principe del mondo” (14, 30). Senza troppi giri di parole Gesù annuncia che sta per abbattersi una violenta tempesta che semina morte e distruzione. C’è da restare sgomenti e preoccupati. Ma subito dopo Gesù annuncia che il potere del maligno è limitato da potere di Dio: “non può nulla contro di me” (14, 30). Il principe di questo mondo cercherà di soffocare la voce di Dio che risuona attraverso Gesù ma non riuscirà nel suo intento. Anzi, sarà sconfitta dall’amore che Dio manifesta attraverso la croce. Se non può nulla contro Gesù, non può nulla nemmeno contro i discepoli, se sono uniti a Gesù. È una bellissima notizia! Se crediamo a queste parole, pur con tutta l’umana trepidazione dovremmo ripetere più spesso: “non può nulla contro di me”. Il male non ha la forza di vincere il potere di Dio. Il male genera e talvolta giustifica la violenza ma non può nulla contro l’amore. Solo l’amore è capace di vincere il male, cioè di renderlo inoffensivo.

Tante volte siamo costretti a registrare che il maligno prende facilmente il sopravvento e vince le nostre deboli resistenze. Tutto questo accade perché non affrontiamo il male con la forza di Dio e non invochiamo l’aiuto della Madonna. Ci fidiamo troppo di noi stessi e pensiamo di avere la capacità di gestire gli eventi. E così, malgrado le buone intenzioni e l’iniziale coraggio, ci troviamo improvvisamente nella paura. La paura di non farcela suggerisce di rinunciare, preferiamo tornare indietro. In questo modo, anche se non facciamo nulla di male, lasciamo spazio al maligno che avanza indisturbato. Se la sentinella si addormenta o, peggio ancora, lascia il suo posto di guardia, il nemico può entrare senza problemi. Padre Pio diceva che il diavolo è come un cane che fa paura perché abbaia ma in fondo è legato e può mordere solo chi si avvicina. Per vincere il male che si annida nei pensieri del cuore, oggi prendiamo l’impegno di inginocchiarci dinanzi al ministro di Dio per ricevere la grazia del perdono che purifica e fortifica il nostro essere.



Briciole di Vangelo

di don Silvio Longobardi

s.longobardi@puntofamiglia.net

“Tutti da Te aspettano che tu dia loro il cibo in tempo opportuno”, dice il salmista. Il buon Dio non fa mancare il pane ai suoi figli. La Parola accompagna e sostiene il cammino della Chiesa, dona luce e forza a coloro che cercano la verità, indica la via della fedeltà. Ogni giorno risuona questa Parola. Ho voluto raccogliere qualche briciola di questo banchetto che rallegra il cuore per condividere con i fratelli la gioia della fede e la speranza del Vangelo.


Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Silvio Longobardi

Silvio Longobardi, presbitero della Diocesi di Nocera Inferiore-Sarno, è l’ispiratore del movimento ecclesiale Fraternità di Emmaus. Esperto di pastorale familiare, da più di trent’anni accompagna coppie di sposi a vivere in pienezza la loro vocazione. Autore di numerose pubblicazioni di spiritualità coniugale, cura per il magazine Punto Famiglia la rubrica “Corrispondenza familiare”.

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.