Una coppia che rivendica la bellezza del “reato di umanità”

https://www.facebook.com/lineadombraODV/

Gian Andrea Franchi e Lorena Fornasir ogni giorno incontrano i migranti in difficoltà a Trieste fornendo loro aiuto concreto dopo viaggi allucinanti attraverso l’ex Jugoslavia. Li accolgono, li ospitano, li curano, li aiutano. Non hanno l’abitudine di chiedere prima i documenti; tendono la mano alla persona, ferita. Questo per qualcuno è sbagliato, per un cristiano non può che essere una risposta umana.

La storia di Lorena Fornasir e di Gian Andrea Franchi è una storia particolare. Lei è una psicologa, 67 anni, che lavora, tra l’altro, come giudice onorario minorile presso il Tribunale di Trieste, lui un ottantaquattrenne professore di filosofia in pensione. Marito e moglie, insieme, hanno fondato Linea d’Ombra, un’associazione che dà forza e forma a una rete di volontari che nel piazzale della stazione ferroviaria di Trieste danno accoglienza ai profughi che giungono in Italia dalla rotta balcanica. Una storia di umanità, come tante, straordinariamente ordinarie, specchio di quello spirito di accoglienza che anima e guida le coscienze di quanti non riescono a celare nell’indifferenza l’esigenza di sentirsi fratelli.

Quello che racconta questa storia è però come la solidarietà possa diventare oggetto anche di una indagine della Digos con annesso procedimento penale con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. I fatti risalgono al 2019 ma è nel febbraio del 2021 che il Tribunale di Bologna è stato chiamato a pronunciarsi su una vicenda che rasenta l’assurdo. La storia ha avuto un lieto fine: il 23 novembre scorso, dopo nove mesi di “vita sospesa”, è stata disposta l’archiviazione del procedimento nei loro confronti “non emergendo elementi che consentano la sostenibilità dibattimentale dell’accusa”. 

Leggi anche: Barbara, la figlia possibile

Gian Andrea Franchi e Lorena Fornasir ogni giorno incontrano i migranti in difficoltà a Trieste fornendo loro aiuto concreto dopo viaggi allucinanti attraverso l’ex Jugoslavia. Insieme a decine di altri volontari, li accolgono, li ospitano, li curano, li aiutano anche economicamente per quelle spese immediate e necessarie. Non hanno l’abitudine di chiedere prima i documenti; tendono la mano alla persona, ferita nelle proprie sicurezze e nella propria dignità umana, senza preoccuparsi di capire, oltre i loro sguardi terrorizzati, in che modo abbiano varcato la frontiera.

Questo per qualcuno è sbagliato, per qualcun altro è addirittura un reato, per un cristiano che vive il Vangelo di Cristo non può che essere una risposta umana a un dramma in cui si incespica nella propria quotidianità.

Lorena e Gian Andrea hanno semplicemente deciso di fare di quegli inciampi la loro ragione di vita, di vivere per farsi prossimi di quelle centinaia di persone che non avrebbero altra possibilità se non rassegnarsi. Sono semplicemente testimoni di umanità, simboli di quella fraternità che Papa Francesco si ostina a portare continuamente al centro del dibattito pubblico.  

Ed è nel nome di questa fraternità che quest’anno il Premio Incontri 2022 che si assegna nell’ambito del Festival della Teologia sarà conferito proprio a loro, il 25 luglio ospiti della Diocesi di Vallo della Lucania.

Una bella storia di vita, di coppia, di famiglia, che vive la propria vocazione alla santità uscendo fuori dalla soglia della propria casa per abitare i crocicchi delle strade. In fondo è ciò a cui l’azione dello Spirito, sempre all’opera, costantemente ci chiama.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Vito Rizzo

Vito Rizzo è nato e vive ad Agropoli (SA). Avvocato e giornalista, autore e conduttore di programmi televisivi di informazione religiosa. È catechista, educatore di Azione Cattolica e direttore del Festival della Teologia “Incontri”. Oltre alla Laurea in Giurisprudenza all’Università “Federico II” di Napoli, ha conseguito la Laurea in Scienze Religiose presso l’ISSR “San Matteo” di Salerno e sta proseguendo gli studi teologici presso la Sezione “San Luigi” della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale di Napoli. Tra le sue pubblicazioni “La Fabbrica del Talento”, Effedi editore (2012), con Milly Chiarelli “Caro Angioletto. Le preghiere con le parole dei bambini”, L’Argolibro editore (2014), con Rosa Cianciulli “Francesco. Animus Loci”, L’Argolibro editore (2018). Ha attivato un suo blog (vitorizzo.eu) su cui pubblica riflessioni e commenti e collabora alla rivista on line di tematiche familiari Punto Famiglia. Sempre con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato “Carlo Acutis – l’apostolo dei Millennials”.

ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.