23 Giugno 2022

La bellezza di essere famiglia, le testimonianze al centro

L’Incontro mondiale delle famiglie 2022 si apre con una kermesse trasmessa in diretta su Rai uno. A parte la scelta dei presentatori, che credo siano stati imposti come condicio sine qua non per la messa in onda (Amadeus e Giovanna sono simpaticissimi e bravissimi ma con la scusa dell’inclusione secondo me stiamo creando un po’ di confusione generale), l’evento è stato ricco di testimonianze davvero belle.

Serena e Luigi, una coppia con tre figli che sogna il matrimonio. Paul e Germaine, due coniugi che sono riusciti a perdonarsi. Pietro ed Erika, che hanno accolto Iryna e Sofia, fuggite dalla guerra in Ucraina. Zakia, rimasta vedova dell’ambasciatore Luca Attanasio, assassinato in Congo. Storie ordinarie e straordinarie che più dei convegni o dei libri scritti sulla famiglia, testimoniano l’importanza per la Chiesa e per la società dell’essere famiglia.

Ciò che mi ha davvero commosso è stata la presenza dei genitori di Chiara Corbella Petrillo, nata al Cielo nel 2012, di cui è in corso la causa di beatificazione e quella di Francesco, nipote dei beati Luigi e Maria Beltrame Quattrocchi. Roberto e Maria Corbella, genitori di Chiara, hanno testimoniato innanzitutto il loro amore, il loro sì. È stato proprio il loro amarsi la fortezza in cui le loro figlie Elisa e Chiara sono cresciute e hanno conosciuto Dio. È stato il loro amore capace di accompagnare la loro figlia nei momenti difficili delle gravidanze e della malattia. È commovente come rileggono la loro storia con gli occhi della fede. La voce di Roberto, spezzata dalle lacrime, è il segno che il dolore è ancora presente e forte ma come hanno detto “Dio ha dato loro la forza di accompagnare quella figlia speciale alle porte del Paradiso e di lasciarla andare”. “Da quel momento è scaturita una grande grazia che ci ha permesso di vedere il piano di Dio e di non cadere nella disperazione. Chiara ci ha insegnato che non è possibile seguire Cristo senza abbracciare la croce”.

Nel suo intervento a conclusione della serata il Santo Padre ha detto alle famiglie: «Vi propongo di farvi questa domanda: qual è la parola che il Signore vuole dire con la nostra vita alle persone che incontriamo? Quale “passo in più” chiede oggi alla nostra famiglia?» perché si possa trasformare il mondo, per affrontare le fatiche e le gioie della vita con gli occhi puntati al cielo, «guardando sempre dal tetto in su», come dicevano i coniugi Beltrame Quattrocchi ai loro figli.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.