1 Luglio 2022

Non è l’uomo che fa Dio ma Dio che fa l’uomo

Dopo il rovesciamento della Roe vs Wade, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha emesso un’altra sentenza degna di nota e molto controversa. Ha dato ragione all’allenatore di football Joseph Kennedy sospeso dalla scuola pubblica in cui lavorava perché dopo le partite si inginocchiava a pregare in campo. La scuola rivendicava il diritto degli studenti a non partecipare, nemmeno visivamente, a pratiche religiose. Cioè una persona che pregava davanti a tutti infastidiva. I giudici si sono espressi in favore della libertà di religione protetta dalla Costituzione.

Questo è ciò che accade negli Stati Uniti. In Europa invece? All’indomani della decisione della Corte Suprema americana in materia di aborto, in Francia si invoca la possibilità di inscrivere il rispetto dell’interruzione di gravidanza nella Costituzione francese. Un’idea che viene dalla capogruppo dell’Assemblea nazionale, Aurore Berge ma anche da Mathilde Panot, capogruppo della sinistra radicale. Un’assurdità colossale.

In Spagna peggio che andar di notte. Il Consiglio dei ministri ha approvato un nuovo disegno di legge per i diritti LGBTQ, che se approvato dal Parlamento, consentirà a partire dai 16 anni il cambio di genere libero e a partire – udite, udite – dai 12 anni a seguito di autorizzazione di un giudice (praticamente i genitori non contano assolutamente niente). La cosa curiosa è che un disegno di legge simile nell’esecutivo scorso era stato rigettato. Cosa è accaduto ora? Molto semplice. Il premier Pedro Sanchez nell’ambito di un rimpasto ha rimosso una vice-presidente che era tra le più critiche sul testo.

Questa è la fotografia della civilissima e ormai modernista Europa. Dove stiamo andando? Quali conseguenze avremo? Quale futuro stiamo costruendo per i nostri figli e i nostri nipoti? San Giovanni Paolo II nell’Esortazione Ecclesia in Europa parlava di uno smarrimento della memoria e di un tentativo di far prevalere un’antropologia senza Dio e senza Cristo. “Questo tipo di pensiero ha portato a considerare l’uomo come il centro assoluto della realtà, facendogli così occupare artificiosamente il posto di Dio e dimenticando che non è l’uomo che fa Dio ma Dio che fa l’uomo”. Era il 2003. Oggi le cose sono drammaticamente cambiate e quelle parole appaiono come un’amara profezia.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.