Invalsi: Scuola italiana divisa tra Nord e Sud

scuola

Il Rapporto Nazionale Invalsi 2022 parla chiaro: 3 alunni su 4 alle elementari raggiungono un livello di apprendimento «adeguato». La dispersione implicita alle superiori sta calando anche se lentamente. Buone notizie? A guardare sembrerebbe proprio di no.

In Italia 3 alunni su 4 alle elementari raggiungono un livello di apprendimento «adeguato». La dispersione implicita alle superiori sta calando anche se lentamente. Sembrano buone notizie quelle che emergono dai risultati delle prove Invalsi, ma a guardare meglio i dati indicano una zona rossa non ancora superata. 

La Scuola italiana, in tutti i gradi, presenta ancora gravi lacune in determinati territori e non riesce a colmare la distanza tra gli allievi che provengono da famiglie con genitori istruiti e benestanti da quelli che vivono in un contesto di deprivazione culturale ed economica. A lanciare l’allarme il Rapporto Nazionale Invalsi 2022, che mette a confronto gli esiti delle prove di quest’anno con quelli del periodo pre-pandemia, per “pesare” anche l’effetto che questa ha avuto e sta ancora avendo sui livelli di apprendimento degli studenti. Non mancano, tuttavia, anche le notizie positive, come, per esempio, il miglioramento dei risultati in Inglese alle elementari (+2 punti in lettura e +6 punti in ascolto), mentre in Italiano gli allievi cosiddetti fragili sono calati del 5%, anche se sono cresciuti del 6% in Matematica.

Leggi anche: Prof e alunni: consuntivo di tre anni avventurosi dopo la pandemia

Già in questo primo ciclo scolastico, tuttavia, sono pesanti le “variabili” che condizionano i risultati, sia tra scuole che tra singole classi. In sostanza, l’esito degli apprendimenti dipende, in buona parte, dalla scuola in cui un bambino è inserito. «Una variabilità del 15-20% è insita nell’organizzazione del sistema – spiega il presidente dell’Invalsi Roberto Ricci – ma purtroppo abbiamo casi, come quello della Matematica in seconda primaria, con una variabilità del 29,6%, ampiamente sopra la soglia di acettabilità». Significa che per quasi un alunno su tre, l’apprendimento è strettamente influenzato dal contesto scolastico in cui è inserito e dal territorio di residenza. E le situazioni peggiori si trovano sempre nelle regioni del Sud. Mentre Umbria e Valle d’Aosta conseguono risultati «significativamente sopra la media», la Sicilia, con la sola eccezione della prova di Matematica della seconda primaria, ha risultati «significativamente al di sotto della media». In Calabria, inoltre, le lacune che si riscontrano alle medie e alle superiori, sono evidenti già a partire dalla quinta elementare. In Sardegna, infine, il 70% degli allievi delle superiori non raggiunge un livello «accettabile» di competenze in Matematica.

L’onda lunga della pandemia si osserva analizzando i risultati delle prove somministrate in terza media. Se il 61% raggiunge un livello “medio” in Italiano, al Sud e nelle Isole si arriva al massimo al 51%, mentre la media generale del 2018 era del 66% e del 65% nel 2019. E non va meglio in Matematica: il livello medio, quello considerato «sulla linea di galleggiamento», è raggiunto dal 56% degli allievi, rispetto al 61% del 2018. Al Sud e nelle Isole si arriva al massimo al 40%, con sei alunni su dieci, insomma, al di sotto del livello di apprendimento considerato «adeguato». I risultati migliori, gli alunni di terza media li ottengono in inglese, con il 78% che raggiunge un livello A2 in lettura, rispetto al 74% del 2018. Anche l’ascolto migliora: dal 54% del 2018 al 62% di alunni con livello A2.

Peggiorano i risultati in Italiano alle superiori: mentre nel 2019, prima della pandemia, il 70% degli studenti di seconda raggiungeva un livello di apprendimento «adeguato», quest’anno si è scesi al 66%, ritornando al risultato di 4 anni fa. In Matematica soltanto il 54% raggiunge un livello «adeguato», ben otto punti in meno rispetto al 2019, con il Sud e le Isole che arrivano al 36%. È di otto punti percentuali, invece, la differenza tra i risultati in Italiano in quinta superiore, tra il 2019 e il 2022. Se prima del Covid il 64% raggiungeva un livello di apprendimento «adeguato», quest’anno il dato è crollato al 52%, precipitando al 38% al Sud e nelle Isole. Va anche peggio in Matematica: dal 61% di allievi con risultati «adeguati» del 2019 si è passati al 50% di quest’anno. Per quanto riguarda, infine, gli allievi «eccellenti» il divario è di oltre 15 punti tra le regioni del Nord e alcuni territori del Mezzogiorno.

Tra le poche note positive del Rapporto Invalsi 2022, il calo della dispersione “implicita”, quella che riguarda gli studenti più fragili, scesa del 4,3% in Puglia e del 3,8% in Calabria.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.