Amare nella coppia

Il Paradiso nel matrimonio

di Lucia Odierna

Tutti noi abbiamo dentro un faraone che ci impedisce di uscire dall’Egitto e di andare incontro allo sposo. Puoi uscire dai tuoi schemi solo se accetti che Dio ti ha riscattato. Nessuna persona può farti da infermiere o crocerossina. Nessuno potrà salvarti. Solo Dio. Vieni fuori dal tuo Egitto ed anche tu potrai fare l’esperienza di cui si parla nel Vangelo, quella di un tale Lazzaro che chiuso in una tomba, un giorno udì la voce dell’amico Gesù che gli gridava: “Lazzaro vieni fuori!”. Lui l’ascoltò, uscì e visse. 

Ogni storia d’amore è una grande avventura. Occhi che si cercano, labbra che si vogliono, cuori che si infiammano. Presi dall’entusiasmo ci si butta. I mesi, gli anni volano ed un bel giorno arriva la resa dei conti: tutto si è sciolto come neve al sole. Perché è finita? Non sempre si ha la lucidità di vedere da dove si è partiti. È importante vedere di chi ti innamori, è importante sapere se usi lo slogan vai dove ti porta il cuore oppure, come dico spesso a mio marito, vai pure dove ti porta il cuore però avvia il navigatore. Intendo dire questo: segui il cuore, ma usa il cervello e riconosci che da solo non ce la puoi fare. Fatti guidare…da Dio. 

Per entrare in una storia d’amore è necessario che tu sia un uomo libero, una donna libera. Tutti noi abbiamo un faraone nell’anima che ci impedisce di uscire fuori dall’Egitto e di andare incontro allo Sposo. Quando conobbi Pasquale, in una delle nostre prime uscite romantiche trascorse a passeggiare sotto le stelle mi chiese: “Se dovessi usare degli aggettivi come ti descriveresti?”. Risposi molto banalmente: “Timida, un po’ chiusa, orgogliosa, mezza fallita”. 

“La tua descrizione è il vincolo che imponi alla tua persona per esistere”. Mi rispose con queste precise parole. Ed aggiunse: “Queste sono le etichette che ti sei appiccicata addosso e che tu stessa usi per ricordarti chi sei”.  Non ebbi la forza di formulare alcun pensiero di risposta. Mai nessuno prima di allora mi aveva parlato così. È lì che ho incontrato l’amore. 

Chi ti vuole bene, ti invita ad uscire dai tuoi vincoli. La persona matura, disponibile ad amare e a costruire con te l’eternità è colui che riesce a dirti: “Tu sei altro”. Ti libera dalla schiavitù del faraone realizzandoti come persona. Attenzione, quella persona non è la crocerossina o l’infermiere del pronto soccorso vicino casa. Una donna matura, un uomo maturo è colui che è capace di donarsi. L’amore, letteralmente a-mors, assenza di morte, è un sentimento vivificante e creativo che fa sognare le cose del cielo. Un amore vero spinge un uomo e una donna ad aprirsi al mondo, a consumarsi nella carità. Insieme. Il benessere non è più la passeggiata al mare, la vacanza da soli, ma l’apertura al servizio totale e gratuito senza conoscere il peso della fatica. In due il giogo è lieve per davvero.

Leggi anche: Il segreto dei matrimoni che durano

Quanto preziose nella mia crescita personale le parole di Isaia 43: 
“Non temere, perché io ti ho riscattato,
ti ho chiamato per nome: tu mi appartieni.
Se dovrai attraversare le acque, sarò con te,
i fiumi non ti sommergeranno;
se dovrai passare in mezzo al fuoco, non ti scotterai,
la fiamma non ti potrà bruciare…
… Perché tu sei prezioso ai miei occhi,
perché sei degno di stima e io ti amo”.

Sentirsi amati da Dio per riconoscersi degni di quell’amore che ormai non puoi più trattenere per te… quando ho compreso il significato delle parole di Isaia ho smesso di essere schiava del faraone. L’esodo è iniziato. Puoi uscire dai tuoi schemi solo se accetti che Dio ti ha riscattato. Nessuna persona può farti da infermiere o crocerossina. Nessuno potrà salvarti. Solo Dio. Vieni fuori dal tuo Egitto ed anche tu potrai fare l’esperienza di cui si parla nel Vangelo, quella di un tale Lazzaro che chiuso in una tomba, un giorno udì la voce dell’amico Gesù che gli gridava: “Lazzaro vieni fuori!”. Lui l’ascoltò, uscì e visse. 

Non importa quanti fallimenti hai già nel bagaglio della vita, non importa il dolore che hai nel cuore per quella storia miseramente finita, non importa quanta delusione hai accumulato nel bagaglio dell’esperienza, nulla vale il prezzo della libertà. Esci dall’Egitto, lo sposo ti attende. Il regalo più bello che una persona può farsi è realizzare la sua nuzialità. Ciò che in terra possiamo vivere come Paradiso è nel matrimonio.




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE






ANNUNCIO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.