9 Agosto 2022

Quel senso di fallimento genitoriale…

Non mi ritengo un bravo genitore, faccio fatica, annaspo, a volte sono impreparata ad affrontare determinate situazioni ma mi impegno e mi affido a Colui che può indicarmi la strada. Quello di cui sono certa è che per essere un buon genitore non basta solo accudire i nostri figli ma bisogna prendersi cura di loro. Sono due cose differenti e non escludenti.

Oggi siamo molto preoccupati di accudire i nostri figli in tutte le cose materiali: dal cibo al vestiario, preveniamo ogni desiderio, andiamo in tilt per 37 di febbre… Tutte cose buone e ovvie ed io mi metto tra le fila delle mamme ansiose ma prendersi cura è altro.

È preoccuparsi di trasmettere loro valori, è chiedersi cosa portano nel cuore, orientarli al Bene, vedere le cose che non vanno e chiamarle per nome senza rimandarle, è trascorrere insieme tempo di qualità, essere lì quando affrontano le piccole e grandi sfide della vita, insegnare loro che è grande colui che aiuta l’altro e non inganna o sfrutta il prossimo.

L’amore che ci muove verso i nostri figli a volte ci porta a voler anticipare i momenti della loro maturazione. Per scienza infusa, io direi attraverso l’affetto infuso vorremmo che facessero quella cosa o quell’altra e quando ciò non avviene sperimentiamo un senso di fallimento genitoriale. La verità è che facciamo fatica ad accettare che il nostro compito è quello di accompagnare senza sostituirci, cercare di mettere nella loro bisaccia quanto più bene possibile, pochi valori ma importanti, un piccolo Vangelo e l’amore per Maria… poi il resto devono scoprirlo da soli. A quel punto dobbiamo solo pregare che siano felici. Nel mio dizionario felicità è fare la volontà di Dio Padre. L’essenziale. Insomma la sfida è grande e non possiamo demandarla a nessuno. Non conformiamoci alla mentalità di questo mondo. Forza e coraggio. Chiediamo a Dio la luce necessaria.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.