19 Agosto 2022

L’amore tra gli sposi che dona sicurezza ai figli

L’estate mi concede il lusso di dedicarmi molto alla lettura, anche di notte quando il caldo impedisce spesso di riposare. In una di queste soste, ho potuto conoscere meglio la straordinaria testimonianza di Tomas e Paquita, coniugi spagnoli vissuti nel Novecento.

Entrambi insegnanti, si conoscono per la prima volta molto giovani ma dopo anni si rincontrano e decidono di fidanzarsi. Si sposano il 16 giugno 1939, hanno nove figli. Uno di loro Josè Maria morirà all’età di cinque anni. Nonostante questo lutto e la malattia poi sia di Paquita che di Tomas, in casa si respirava una profonda fede vissuta con gioia e humor. Desideravano diventare santi ed educare i figli all’amore verso Dio. I figli hanno testimoniato questo amore raccontandolo. Rafael dice dei suoi genitori: “Ci veniva voglia, un giorno dopo l’altro, di assomigliare a loro. Mio padre aveva delle attenzioni incredibili verso mia madre. Era pazzo di lei. Noi lo abbiamo visto fin da bambini e naturalmente ci rendeva felici, ci dava una grande sicurezza”. E ancora: “Andavano a Messa ogni giorno e la sera al tramonto recitavano il Rosario con tutti noi”.

Furono anche degli splendidi educatori. Quando dovevano rimproverare un figlio, lo chiamavano da parte per non umiliarlo davanti agli altri e lo facevano con un affetto così grande perché fosse stimolato a cambiare. Hanno vissuto una vita lunga, felice, cantavano nella malattia.

Queste le parole lette da una delle figlie nel 50° anniversario del matrimonio dei genitori: “Ecco dunque signori, la più bella storia d’amore mai registrata negli annali della Spagna e, di conseguenza, ancora più impensabile, al di là delle nostre frontiere. Lei Paquita, il più bel fiore dell’antico Regno, ammaliò all’istante Tomas, il più prestante cavaliere della sua celebre capitale. Ora dopo 50 anni, dopo aver messo al mondo nove splendidi virgulti ed essere stati costanti creatori di felicità, danno la più bella lezione, reale e vissuta: quella di un amore sempre più giovane, focoso ed entusiasta”. Oggi sono servi di Dio.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.