19 Settembre 2022

Così gli adulti vedono o vogliono vedere gli adolescenti?

Il 21 settembre su Prime video andrà in onda Prisma di Ludovico Bessegato, già regista e showrunner di SKAM Italia, e Alice Urciuolo, già sceneggiatrice di SKAM Italia e scrittrice del romanzo “Adorazione”. Un serial che parla di adolescenza. Per realizzarlo gli autori dicono di aver incontrato molti ragazzi per documentarsi sulle storie che si sono prefissi di portare sullo schermo. La storia ruota intorno alla complessa relazione tra l’aspetto fisico e l’identità, soprattutto per una generazione che usa la propria immagine come strumento principale per esprimersi. I protagonisti sono Marco e Andrea, due gemelli identici che sfidano, ognuno in modo differente, le norme di genere. Il loro percorso alla scoperta di sé coinvolgerà anche il loro gruppo di amici, tutti alla ricerca del proprio posto in un mondo in continuo cambiamento.

Nello stesso percorso si inserisce Euphoria, serie prodotta dalla HBO, canale via cavo statunitense, in Italia in onda su Sky e in streaming su Now. Qui la protagonista Rue soffre di disturbi d’ansia fin da bambina e ha un problema di dipendenza da sostante stupefacenti. «Quello che nessuno riesce a capire è che solamente con le droghe riesco a essere me stessa» sostiene Rue in un episodio della seconda stagione. Sesso, droga, relazioni disturbate, abusi via internet, violenza, disagio, nevrosi: sono alcuni dei temi con cui i protagonisti si devono confrontare, in maniera sempre estrema e in un clima di tensione crescente.

Appartengono entrambi i serial al teen drama, quel filone del cinema che si propone di analizzare il tempo dell’adolescenza attraverso una sua rappresentazione. Ma quale adolescenza emerge da queste rappresentazioni? Certamente i media raccolgono le inquietudini e i cambiamenti delle generazioni dei ragazzi, sa concentrarsi sui sentimenti e le incertezze che questa età porta con sé fin dai tempi antichi. Tuttavia se da un lato offre delle chiavi di lettura per gli adulti o per gli stessi adolescenti che vivono questo tempo di passaggio e di cambiamento, nello stesso tempo non offrono più dei testimoni, dei modelli, delle vie d’uscita.

Si limitano mentre raccontano a legittimare comportamenti o scelte come il cambiamento di genere, il transgender, l’uso di droghe, il sesso sfrenato. Ma è solo questo l’adolescenza oggi? Non è che anche il cinema in un certo qual modo è utilizzato come apripista per far passare ciò che normale non è? Lasciamo perdere l’accoglienza, l’affetto, l’amore. Quello è il punto di partenza. la questione è che se continuiamo a staccare i ragazzi – specie nel tempo dell’adolescenza – dai valori di riferimento, dalle virtù, dalla necessità di vivere questo tempo con l’aiuto e l’ausilio degli adulti, cosa resta? A quale appiglio i nostri ragazzi potranno legarsi per approdare sulle sponde dell’età adulta? Restano fluidi in un mare di cambiamenti. Non ci sono eroi, non ci sono testimoni, non ci sono adulti capaci di rimandare ad un’idea più concreta di esistenza fatta anche di sacrifici, lavoro, rispetto per il proprio corpo. Chi si prende la responsabilità di traghettarli?

Questi teen drama in fondo sono pensati e realizzati da adulti…anche se dicono di ispirarsi a storie vere, ne raccontano a mio avviso solo una parte. Non c’è una vera rappresentazione della realtà. C’è un mondo di adolescenti completamente ignorato, fatto di giovani che ogni anno fanno le marce francescane in estate, pellegrinaggi a Compostela, volontari nell’Unitalsi, impegnati in parrocchia…pieni di vita e di amore. E che gli adulti fanno finta di non vedere. 


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).

ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.