30 Settembre 2022

La bellezza nella morte di Teresa di Gesù Bambino

Il 30 settembre del 1897 santa Teresa di Gesù Bambino del Volto Santo, al secolo Teresa Martin, concludeva la sua breve esistenza terrena, appena 24 anni, e cominciava la sospirata missione dal Cielo. Una data meravigliosa che la piccola carmelitana vive come il passaggio che tanto desiderava.

Al mattino di quel giorno santo, la piccola suora consumata dall’amore verso il suo Gesù, rivolge lo sguardo alla statua della Vergine, la stessa che le aveva sorriso quando all’età di nove anni una malattia psico-fisica aveva fatto temere per la sua vita. Le sorelle avevano sistemato la statua in infermeria, nel luogo dove Teresa trascorre l’ultimo periodo della sua vita. A lei la sua supplica: “O mia buona Vergine Santa, soccorretemi!”.

Verso le tre del pomeriggio, Teresa mette le braccia in croce. Madre Maria di Gonzaga le posa sulle ginocchia un’immagine di Nostra Signora del Monte Carmelo. Teresa la guarda un istante, e poi dice: “Madre mia, mi presenti subito alla Vergine Santa. Mi prepari a morire bene”. La Priora le risponde che, avendo sempre capito e praticato l’umiltà, la preparazione era fatta. Teresa, riflette un attimo e umilmente pronuncia queste parole: “Sì, mi pare di avere sempre cercato solo la verità! Sì, ho capito l’umiltà del cuore”. E quando la sofferenza comincia a farsi più forte dice: “Non mi pento di essermi offerta all’Amore. Oh, no, non mi pento di essermi offerta all’Amore, anzi… Non avrei mai creduto possibile soffrire tanto! Mai! Mai! Non posso spiegarmelo se non con i desideri ardenti che ho avuto di salvare le anime”.

Verso le cinque cominciò l’agonia, per due ore un rantolo terribile le strazia il petto. Il viso congestionato, le mani violacee e i piedi freddi. Il corpo trema e un sudore abbondante le bagna il viso.  Poi, verso le diciannove si acquieta un poco e la Priora congeda tutte le sorelle pensando che l’agonia durasse ancora qualche ora. Ma dopo qualche minuto guardando il Crocifisso, Teresa pronuncia le sue ultime parole: “Oh… l’amo! … Dio mio… Vi amo! …” e cade dolcemente indietro, la testa reclinata leggermente a destra.

Tutte le consorelle sono di nuovo chiamate intorno al letto della morente e diventano testimoni di una espressione di gioia e di serenità che per lo spazio di un Credo il volto di Teresa, tornato al suo colore, sembra avere, mentre gli occhi sono fissi verso l’alto, al di sopra della statua della Vergine del Sorriso. Poi, serenamente consegna l’ultimo respiro. È di una bellezza che rapisce. Tiene così forte il Crocifisso che bisognò strapparlo dalle mani. Sono le 19,20 circa del 30 settembre 1897. “Io non muoio: entro nella vita”, aveva scritto il 9 giugno precedente al seminarista Maurizio Bellière. E con lei e grazie a lei tante anime nei secoli a venire hanno incontrato, scoperto, amato e sono entrati nella Vita che non muore.


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).




ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.