4 Ottobre 2022

Una fiaba dedicata al Santo di Assisi per aiutare grandi e piccini

Questa è la storia di un chicco piccino. Di riso? Di grano? Beh, no, di un Bambino”: è l’incipit di una fiaba che abbiamo pubblicato da pochi giorni per la nostra Casa Editrice e che si intitola “Chicco e Scoglio”, una fiaba tratta da una storia vera. Scritta e illustrata da Daniela Volpe. Un racconto in rima baciata ispirato ad una tradizione secondo cui il lunedì di Pasqua del 1222 San Francesco di Assisi avrebbe tenuto la famosa predica ai pesci su uno scoglio della ridente cittadina cilentana di Agropoli (SA).

Il protagonista è Chicco, vezzeggiativo di Francesco, ma anche sinonimo di quel “chicco di grano” che Gesù ci chiede di essere nel Vangelo. Un seme di vita nuova nel mondo. La vita di Chicco è attraversata da alcune difficoltà a scuola: l’esclusione da parte degli amici perché “mingherlino” e per le lentiggini sul viso; e poi viene deriso perché prima di mangiare a mensa fa la preghiera di ringraziamento così come gli aveva insegnato la mamma. Triste e un po’ deluso nel pomeriggio va a pescare e qui lo scoglio animato gli racconta una storia bellissima. Man mano che Scoglio parla, Chicco comprende sempre di più la sua identità. La scoperta del santo Poverello di Assisi del quale porta il nome e la vita appassionata di Francesco, infondono fiducia nel cuore del piccolo che l’indomani a scuola decide di perdonare i suoi amici e di far festa con loro con i dolcetti preparati dalla mamma. Il tutto è accompagnato da bellissime illustrazioni da commentare e osservare con cura.

Un racconto educativo che aiuta grandi e piccini ad accogliere il messaggio universale del Santo di Assisi come una provocazione al bene nella propria vita. Il libro, scritto da una giovane e talentuosa mamma, mette insieme diversi elementi della interiorità dell’autrice: la sua maternità, l’amore per la sua terra, la fede ma anche e soprattutto il desiderio di voler comunicare ai bambini qualcosa di bello, di buono e di vero. Quando ci si sente amati, protetti, siamo in armonia con il mondo intorno a noi e con le persone che ci circondano, pronti a ricucire gli strappi e ad essere grati per i doni ricevuti.

È un libro che consiglio a grandi e piccini. A me piace pensare, quando pubblico un testo dedicato ai più piccoli, ai momenti in cui ci si ritrova con un figlio o un nipote per leggere insieme una buona favola e commentarla. Questi tempi propizi favoriscono il dialogo, accendono la fantasia, danno la possibilità di aprire un confronto magari su un disagio che il bambino vive…Insomma è un tempo molto importante


Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"




Aiutaci a continuare la nostra missione: contagiare la famiglia della buona notizia

Cari lettori di Punto Famiglia,
stiamo vivendo un tempo di prova e di preoccupazione riguardo il presente e il futuro. Questo virus è entrato prepotentemente nella nostra quotidianità e ci ha obbligati a rivedere i tempi del lavoro, delle amicizie, delle Celebrazioni. Insomma, ha rivoluzionato tutta la nostra vita e non sappiamo fin dove ci porterà e per quanto tempo. Ci fidiamo delle indicazioni che provengono dal Governo e dagli organi sanitari preposti ma nello stesso tempo manifestiamo con la nostra fede che “il Signore ci guiderà sempre” (cfr Is 58,11).

CONTINUA A LEGGERE



Giovanna Abbagnara

Giovanna Abbagnara, è sposata con Gerardo dal 1999 e ha un figlio, Luca. Giornalista e scrittrice, dal 2008 è direttore responsabile di Punto Famiglia, rivista di tematiche familiari. Con Editrice Punto Famiglia ha pubblicato: Il mio Giubileo della Misericordia. (2016), Benvenuti a Casa Martin (2017), Abbiamo visto la Mamma del Cielo (2016), Il mio presepe in famiglia (2017), #Trova la perla preziosa (2018), Vivere la Prima Eucaristia in famiglia (2018), La Prima Comunione di nostro figlio (2018), Voi siete l'adesso di Dio (2019), Ai piedi del suo Amore (2020), Le avventure di Emanuele e del suo amico Gesù (2020), In vacanza con Dio (2022).




ANNUNCIO

Vai all'archivio di "Con gli occhi della fede"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per commentare bisogna accettare l'informativa sulla privacy.